Contenuto riservato agli abbonati

Tragedia a Concordia. Auto finisce  nel canale, muore un papà di 40 anni

Alan Fava è finito fuori strada in via per Vallalta. Lascia una bimba di 4 anni. I genitori: «Aveva appena iniziato il nuovo lavoro»

CONCORDIA. Ha perso il controllo della sua auto che è finita fuori strada e si è capovolta nel canale, senza lasciargli scampo. 

Concordia, il recupero del mezzo su cui viaggiava il 40 enne morto nel canale

 
Un papà di 40 anni, Alan Fava, originario di Concordia, ha perso la vita in via per Vallalta, nel canale Gavello. Poco prima delle 17 l’uomo stava viaggiando in direzione di San Giacomo delle Segnate, paese del Mantovano dove si era trasferito da qualche anno. 
 
Improvvisamente, per cause in corso di accertamento, Fava ha perso il controllo della sua Mercedes ed è finito nel canale. Come testimoniano i segni lasciati dalla macchina sul selciato, la macchina, dopo essere uscita di strada, ha sbandato per circa un centinaio di metri, prima di capovolgersi. 
 
 
Nonostante l’intervento tempestivo dei soccorritori, per il conducente non c’è stato nulla da fare. In via per Vallalta è arrivata la squadra dei vigili del fuoco di San Felice insieme al nucleo di sommozzatori da Bologna. Sul posto sono arrivate anche l’ambulanza e l’automedica del 118, oltre agli agenti della Polizia locale del presidio di Concordia i quali hanno effettuato tutti i rilievi del caso. 
 
La scena apparsa agli occhi dei soccorritori è stata da subito disperata. 
In via per Vallalta è accorso anche il sindaco di Concordia, Luca Prandini, amico di vecchia data dei genitori di Fava. Al primo cittadino è toccato il terribile compito di avvisare i famigliari della tragedia. 
«È un momento davvero tragico, siamo tutti sgomenti per questo terribile incidente – dichiara Prandini – A nome di tutta la comunità ho voluto portare la vicinanza del paese ai genitori di Alan, Gianni e Orazia. Ho tentato di portare una parola di conforto in questa circostanza per cui, davvero, non esistono parole per definire la drammaticità di quanto accaduto». 
 
Oltre ai genitori, Gianni e Orazia, che Alan aveva sentito telefonicamente proprio ieri e aveva visto per l’ultima volta venerdì, il 40enne era anche papà di una bambina di 4 anni, Marta. Fava lascia un fratello più piccolo, Mattia. 
 
Come hanno riferito i genitori del 40enne, Alan aveva iniziato un nuovo lavoro da appena una settimana. 
Sgomento anche l’ex sindaco di San Possidonio, Rudi Accorsi, di fronte alla tragedia. Entrambi hanno lavorato per la stessa azienda, poi Fava aveva iniziato a lavorare per la Meccanica Diquattro di Mirandola. 
La dinamica precisa dello schianto è ancora in fase di definizione e verrà perfezionata nei prossimi giorni, da parte degli agenti della Polizia locale di Concordia. 
 
Pare non ci siano dubbi, dai rilievi iniziali, sul fatto che non ci siano altri veicoli coinvolti nello schianto. La Mercedes sarebbe finita fuori strada senza che ci siano stati altri impatti con vetture diverse e si sarebbe capovolta nel fossato dopo essere sbandata. 
 
Fava abitava a San Giacomo delle Segnate, ma, oltre alla famiglia, a Concordia e, più in generale, nella Bassa e a Carpi aveva numerosi amici e conoscenti che, una volta appresa la notizia, nella serata di ieri ne piangono la scomparsa e si stringono ai famigliari per portare loro il conforto necessario per superare questo enorme dolore. —
<SC1038,169> RIPRODUZIONE RISERVATA