L’affondo di Forza Italia «Acqua mal gestita»

Montese. «Anche la Regione boccia la gestione dell’acquedotto di Montese». Sono le parole di Flavio Viani e Cristiano Bernardoni, esponenti di Forza Italia, che rendono pubblica la risposta dell’assessore Priolo ai quesiti avanzati dalla consigliera regionale Valentina Castaldini.

«A dicembre il sindaco ha emesso una ordinanza per chiudere la fornitura di acqua da Mulino di Montese per torbidità dell’acqua. Oggi - incalzano i forzisti - scopriamo che è stata emessa senza consultarsi con l’Ausl. A ciò si aggiunge la difesa della Regione che rimprovera di aver sollecitato il Comune di Montese nel 2019 a sistemare i serbatoi di Montebuffone e spiega di aver acquistato, per Arpae, tutta l’attrezzatura per rilevare il protozoo Cryptosporidium».


“Tutta via questo percorso virtuoso, è implementabile” questa la risposta arrivata a Forza Italia da Priolo. A riportarla sono proprio i forzisti in un comunicato che completano con altri dettagli sulle parole di Priolo: “Laddove ci sono le competenze e le conoscenze necessarie da parte dei Gestori. Purtroppo - sempre l’assessore - tali conoscenze e competenze molto spesso non sono presenti nella gestione dei piccoli acquedotti che, per inciso sono quelli in cui si verificano problemi”.

«Appare evidente - ancora Viani e Bernardoni - che la gestione dell’acquedotto è fallimentare sia per quanto riguarda la gestione finanziaria che ha toccato i -380mila euro, sia per gli aspetti di salute pubblica che, anche a detta della Regione, presentano lacune». —