Modena. Aumentano i reati ai danni delle imprese

Indagine Lapam. Coinvolto il 17,9% delle attività, oltre la media regionale. In nove anni frodi e truffe informatiche raddoppiate

MODENA. Dopo un periodo di costante calo, tornano a crescere i delitti inerenti l’attività d’impresa a Modena, soprattutto a causa dell’incremento molto alto di quelli di carattere informatico.

Lo evidenzia l’analisi condotta dall’Ufficio Studi Lapam Confartigianato sugli ultimi dati disponibili, quelli a fine 2019. Nel periodo 2010-2019 i delitti nell’attività d’impresa sono calati in modo molto netto (-24,3%), decisamente di più rispetto alla media regionale dove il calo è stato del 18,3%. Ma tra il 2018 e il 2019 c’è stato un leggero incremento, dell’1,1%. Complessivamente nel 2019 sono state denunciate 11.192 infrazioni, con una incidenza di 17,9 delitti ogni 100 imprese, un dato superiore alla media regionale, ferma a 16,6.


Le denunce, qui il dato disponibile è quello regionale, trattano di danneggiamenti con 21.191 casi nel 2019 (la voce più alta), poi truffe, frodi e delitti informatici che sono in rapida ascesa e complessivamente superano quota 16mila in Emilia Romagna. Quindi furti di auto in sosta e in generale di autoveicoli (poco meno di 16mila), furti in esercizi commerciali (8.438) ma anche ricettazione (1.198 casi), rapine sulla pubblica via (949) e in esercizi commerciali (309) ed estorsioni (680). Fino a riciclaggio, contraffazione e alle 46 rapine in banca e uffici postali, mentre solo 8 sono le denunce per usura.

L’indagine Lapam entra nel dettaglio in particolare sui delitti di natura informatica: a Modena, tra il 2010 e il 2019, frodi e truffe sono quasi raddoppiate (da 1.084 a 2.059) e l’incremento tra il 2018 e il 2019 è stato di un +12,9%, da 1.824 a 2.059 casi. L’Ufficio Studi conclude la ricerca con la tipologia di aziende più colpite: a livello regionale hanno subito almeno un incidente di sicurezza informatica (come, ad esempio, indisponibilità dei servizi, interruzione o corruzione dei dati fino alla divulgazione di dati riservati) il 10,5% delle attività manifatturiere, l’11,3% delle imprese del comparto costruzioni, il 9,5% dei servizi non finanziari. In totale si parla del 10,1% delle attività economiche, un numero davvero molto alto. Venendo al 2020, e quindi al periodo della pandemia, c’è un dato che emerge dall’indagine Lapam particolarmente interessante: in Emilia Romagna le imprese che hanno investito molto o moltissimo nella sicurezza informatica sono aumentate del 7,7% rispetto al 2019, con una quota complessiva pari al 41,6% delle imprese della regione. —