Contenuto riservato agli abbonati

Fiorano. Sfondano la vetrina: migliaia di sigarette rubate da due bar

I ladri sono stati protagonisti in via Pedemontana Il copione è lo stesso: un tombino della fognatura per spaccare le porte

Alice Benatti

FIORANO. Ennesima spaccata l’altra notte al Bar Paolo. Domenica, qualche minuto prima della mezzanotte, ignoti hanno utilizzato il tombino della fossa biologica del locale di via Pedemontana 20 per rompere la vetrata e fare irruzione all’interno trafugando tra i 200 e i 250 pacchetti di sigarette del valore alla vendita di 1000-1250 euro. Stesso copione, sempre in via Pedemontana, anche al Piu Bar. Vetrina infranta con un tombino e sigarette sparite.


«Ormai ci capita 2-3 volte l’anno e abbiamo imparato che per limitare i danni è meglio lasciarla vuota – spiega Filippo Barozzini, figlio del titolare del Bar Paolo– la mia famiglia ha questo bar da 50 anni e quello di stanotte sarà almeno il ventesimo colpo. Riparare la vetrata costerà circa 2mila euro», chiarisce subito il giovane. Una cifra che, se moltiplicata per il numero di furti subiti negli anni, porta a 40mila euro il “conto” della criminalità sostenuto da questa attività storica solo per rimettere in sesto il locale, a cui si aggiunge il valore di tutta la merce rubata. Una scena già vista, insomma, quella che si sono trovati di fronte la notte fra domenica e lunedì: un grosso buco nella vetrata, frammenti di vetro ovunque, sedie a terra, una decina di pacchetti di sigarette sul pavimento (caduti con tutta probabilità nella fretta dei malviventi di darsela a gambe a causa dell’allarme) e la cassa aperta. Ad allertare i titolari è stato proprio l’allarme del locale collegato al cellulare, che li ha portati sul posto poco prima dell’arrivo dei carabinieri. Ma non c’era più nessuno. Le immagini delle telecamere interne al bar, ora al vaglio dei militari, potrebbero tuttavia fare luce sull’accaduto. «Nei colpi precedenti però le immagini della nostra videosorveglianza purtroppo non hanno mai portato a identificare i responsabili». —