Contenuto riservato agli abbonati

Covid a Modena. «Terapia intensiva, picco tra dieci giorni» Cala l’età dei pazienti

Il professor Girardis: «Tanti ricoveri tra i 50 e i 65 anni» Ieri in provincia registrati 414 nuovi contagi e 3 decessi  

Una situazione sotto controllo, anche se la prossima settimana i pazienti ricoverati in terapia intensiva aumenteranno, mentre rispetto alle ondate di marzo e novembre scorsi l’età media delle persone ricoverate è diminuita di dieci anni. A fare il punto della situazione negli ospedali modenesi ieri è stato il professor Massimo Girardis, direttore della Terapia intensiva del Policlinico di Modena: «Oggi la situazione è sostanzialmente sotto controllo - spiega - in reparto abbiamo 55 persone, alle quali bisogna aggiungerne circa 30 ricoverate in semintensiva. I posti letto però non mancano - incalza Girardis - perché ci siamo preparati a questa situazione, anche se è chiaro che quando aumentano i malati dobbiamo sacrificare alcune attività, come quella chirurgica e ambulatoriale, anche perché oltre ai posti letto servono le persone».

Ma cosa si aspettano i medici modenesi per i prossimi giorni? «Io non mi aspetto di andare in difficoltà - riprende il direttore Girardis - anche se i numeri sono destinati ad aumentare, con il picco dei ricoveri previsto per la fine di questa settimana, mentre per quanto riguarda la terapia intensiva il picco arriverà tra una decina di giorni, dunque tra metà e fine della prossima settimana». Ma cosa è cambiato oggi rispetto a primavera e autunno scorsi? «A cambiare è stata soprattutto l’età delle persone ricoverate - spiega ancora Girardis - rispetto a marzo e novembre, l’età media è scesa di dieci anni, tanto che oggi ricoveriamo pazienti tra i 50 e i 65 anni. Abbiamo anche diversi under 40 e under 30, ma per ora siamo piuttosto tranquilli, perché questi pazienti hanno esiti normalmente favorevoli».


Al momento sono 466 i pazienti Covid positivi ricoverati negli ospedali modenesi: di questi, 273 sono ricoverati presso gli ospedali gestiti dall’Azienda Ospedaliero-Universitaria (Policlinico e Baggiovara), mentre sono 124 negli ospedali provinciali (Carpi, Mirandola, Vignola, Pavullo) e 69 all’Ospedale di Sassuolo.

Per quanto riguarda i nuovi casi registrati ieri, sono 414 i tamponi positivi, con 397 pazienti in isolamento domiciliare e 17 ricoveri, di cui 5 in terapia intensiva. Tre le persone decedute: si tratta di una 92enne residente a Guiglia, di un 89enne di Modena e un 79enne di Vignola. I nuovi guariti sono 82, portando il totale a 39.951. —

L.g.

© RIPRODUZIONE RISERVATA