Castelfranco. Il magazzino comunale deve fare i conti con i ladri “maldestri”

Col mezzo di servizio rubato si fanno largo travolgendo tutto Portone sfondato, recinzione ko. Nessun bottino, tanti danni

CASTELFRANCO. Hanno tentanto il furto, non ci sono riusciti, ma hanno causato diversi danni che ora toccherà al Comune di Castelfranco ripagare. Danni non certo di poco conto che riguardano il magazzino comunale di via Larga e pure un mezzo utilizzato dai dipendenti per i lavori di manutenzione in città. I fatti risalgono a poco tempo fa e vedono come protagonisti alcuni ladri, forse nemmeno troppo pratici, che non sono riusciti a raggiungere il loro obiettivo.

Succede che nel mirino dei malviventi finisca il deposito del Comune, siamo in via Larga al civico 15. All’interno della struttura, un classico capannone, sono contenuti attrezzi e materiali. Secondo il piano, evidentemente non studiato nel migliore dei modi, il colpo deve andare in porto di notte. La zona permette anche di produrre qualche rumore in più e così non si bada a mezze misure. I ladri riescono ad introdursi all’interno del capannone di proprietà del Comune. Lì hanno la “bella idea” di forzare la serratura di un’attempata, quanto utile, Fiat Panda di servizio con tanto di attrezzatura da lavoro. Anche il mezzo è dell’Amministrazione, a disposizione degli operai per svolgere le loro mansioni. Una volta acceso, la “fase due” del piano subisce una brusca accelerazione causata, forse, dall’allarme che sta suonando. Una bella rincorsa e poi a tutto gas il colpo secco contro il portone industriale che chiude il magazzino. Il mezzo, usato da ariete per tentare l’improbabile fuga, sfonda le porte, le scardina. Proprio come i ladri avevano programmato. Con la stessa vettura scappano veloci, sempre protetti dal buio della notte, travolgendo pure la recinzione che delimita l’area comunale. La serie di autoscontri, però, genera l’intoppo più grave di tutti. A pochi metri di distanza dal magazzino, il mezzo comincia a dare dei problemi e viene abbandonato. Il radiatore si è bucato a causa dei numerosi colpi subiti. I maldestri ladri, ormai si possono definire così, lasciano la Panda così danneggiata a bordo strada. Altre spese per il Comune. Spese che andranno ad aggiungersi ai 2mila euro circa (1.950 euro a essere precisi) che l’Amministrazione ha dovuto mettere sul piatto per sistemare (operazione già terminata) le porte del magazzino. —


E.B.

© RIPRODUZIONE RISERVATA