Soliera. Spaccata fallita all’Esselunga con furgone e ruspa rubati

Tre ladri sfondano il cancello ma si arrendono ai “panettoni” e alla presenza di un addetto I banditi devono fuggire braccati dai carabinieri

Noemi Adabbo

SOLIERA. Tre ladri in fuga nella notte dopo il fallimentare tentativo di assalto all’Esselunga. Eppure avevano studiato attentamente il piano: avevano rubato una ruspa nei paraggi con la quale hanno abbattuto il cancello d’ingresso come del resto si erano impossessati anche di un furgone. Ma da lì in poi la situazione è precipitata, complice la presenza dei “panettoni” anti-sfondamento e la presenza all'interno del magazzino del supermercato di un addetto che ha lanciato l'allarme. I carabinieri della Compagnia di Carpi ci hanno messo pochissimo ad arrivare e si sono messi all'inseguimento dei malviventi, riusciti a far perdere le proprie tracce dopo avere abbandonato il furgone e la ruspa. Una ruspa venne usata, tra l’altro, anche alcune settimane fa per un colpo ad un distributore di Carpi.


Le indagini stanno ancora proseguendo per risalire alla banda che l’altra notte, intorno alle 2.30, ha dato l’assalto all’Esselunga. Il centro commerciale solierese non è, purtroppo, estraneo a questo tipo di eventi: già oggetto di un duplice furto ad opera di una coppia di ladri vantanti un curriculum ricco di furti nei supermercati del nord d'Italia. I banditi, allora, erano un 44enne e un 54enne originari di Bologna e Bari, residenti a Budrio e Granarolo, che furono scoperti e inchiodati dai carabinieri del Nucleo Investigativo della Compagnia di Carpi e i militari di Soliera che per quasi tre mesi si misero sulle loro tracce. Il colpo portò all'ammanco di circa 14mila euro, danno questa volta sventato per poco. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA