Vignola, truffa per dieci milioni di euro all'erario con il sistema di falsi crediti Iva

I militari della Guardia di Finanza di Modena hanno sottoposto a sequestro, nelle province di Modena e Reggio Emilia i beni e i rapporti finanziari e bancari, per un valore stimato di circa 2 milioni di euro, riconducibili a F.S., vignolese 50 anni, con precedenti penali per ricettazione, reati fiscali e fallimentari. ( Sequestrate 6 unità immobiliari, tra cui 4 appartamenti, 6 autovetture, e beni vari)

VIGNOLA Appartamenti, auto e disponibilità finanziarie per un valore complessivo pari a 2 milioni di euro: è il sequestro eseguito dalla Guardia di Finanza di Modena ad un 50enne originario di Vignola con precedenti penali per ricettazione e reati fiscali e fallimentari.

Vignola, truffa all'erario per 10 milioni: la Finanza gli sequestra i beni

Il sequestro, spiegano i finanzieri, è l’epilogo di una complessa attività investigativa finalizzata alla ricostruzione del profilo di pericolosità sociale dell’uomo e all’individuazione degli asset patrimoniali e finanziari che, secondo l’accusa, sarebbero stati acquisiti illecitamente dall’indagato e dal suo nucleo familiare.

Il 50enne, spiegano le Fiamme Gialle, è stato riconosciuto come soggetto connotato da una pericolosità sociale generica alla luce del suo coinvolgimento in diversi procedimenti penali, avviati dalla Procura di Modena. Inchieste che hanno permesso di individuare un’organizzazione criminale che, tramite la sistematica creazione di falsi crediti Iva, avrebbe generato una rilevante evasione da «riscossione», utilizzando il sistema della compensazione, causando all’erario un danno quantificato in decine di milioni di euro a partire dal 2015.

Il 50enne, secondo il quadro accusatorio, era il dominus del presunto sodalizio: una serie di operazioni come l’acquisito di quote societarie, beni mobili ed immobili, oltre ad essere state perfezionate con capitali illeciti, non trovano riscontro, questa l’accusa, con i redditi dichiarati. Tale quadro è aggravato, hanno ricostruito i finanzieri, dalla sistematica interposizione fittizia operata tramite prestanome e familiari.