Contenuto riservato agli abbonati

Torna Marano beach: investimenti e lavori per la “spiaggia” sul fiume Panaro

Gli interventi a ridosso del corso d’acqua e sul percorso sole Il sindaco Galli: «Speriamo di poter riportare qui i turisti»

Ormai ribattezzata “Marano beach”, la spiaggia dei Modenesi. Per chi abita a Marano è semplicemente il parco fluviale. Resta un luogo che già da maggio e aprile si trasforma in un punto di riferimento per diversi turisti della provincia e non solo. Sì, proprio turisti. Persone che vogliono passare una giornata immerse nella natura, sulle rive del fiume Panaro. Per questo quel soprannome, “Marano beach”, che col passare del tempo si è fatto sempre più largo.

E in questi giorni, proprio su quella “spiaggia” sulle rive del fiume, sono iniziati alcuni lavori da parte della Provincia. Tra gli obiettivi di questi investimenti c’è anche il rifacimento della ormai famosa spiaggia di sasso. Quella sulla quale troveranno spazio ombrelloni e lettini. Le novità, comunque, non si limitano alla zona più vicina al fiume. Saranno infatti risistemati diversi tratti del “percorso sole”, la strada immersa nel parco fluviale e destinata agli appassionati della camminate e delle mountain bike. Il raggio d’azione della Provincia, in questo caso, va dal confine con Vignola sino alla frazione di Casona. Il totale degli investimenti, per questo doppio intervento, è di 30mila euro. Poco più di 7mila saranno riservati esclusivamente per la già ampiamente citata spiaggia che anche per questa stagione andrà a caratterizzare “Marano beach”.«La Provincia si sta adoperando per diversi lavori che si sono resi necessari dopo l piene degli ultimi tempi. In particolare a seguito di quella dello scorso dicembre». Sono le parole di Giovanni Galli, che di Marano è il sindaco. «Allo stesso tempo - continua il primo cittadino - è in programma anche un investimento della Regione che andrà a sistemare la diga nella zona di Casona. Pure in questo caso si tratta di opere importanti e necessarie per la tutela del nostro territorio. Più avanti, poi, ci sarà anche tempo per la manutenzione di un’altra diga presente nel comune, quella denominata Zenzano».


Si diceva, però, del ritorno della spiaggia. Di quella “Marano beach” che ormai è diventata una vera e propria attrattiva per modenesi e non solo: «I lavori riguardano il ripristino di quanto già fatto un paio di anni fa. La corrente del fiume ha ovviamente trascinato via alcuni tratti di spondale. Il progetto porterà, come detto, al ripristino della così detta “spiaggia dei modenesi”, ma è stato pensato principalmente come lavoro di manutenzione del fiume Panaro». Molto importanti, poi, saranno anche le migliorie che caratterizzeranno il “percorso sole”: «Pure in questo caso si tratta di un’attrattiva fondamentale per Marano. Credo che in questo periodo storico si sia rivelato importantissimo il turismo che possiamo definire di prossimità. La nostra “spiaggia” e il nostro “percorso sole” potranno attirare l’attenzione di diverse persone. Della provincia di Modena e anche di quella bolognese che dista a non troppi chilometri di distanza. Chi vuole trascorrere un pomeriggio al fresco e a contattato con la natura potrà farlo qui a Marano. Potrà farlo senza spostarsi troppo con l’automobile. Nella speranza che questo turismo possa essere un introito extra per le attività del nostro comune che nel quotidiano sono a servizio dei maranesi». —



© RIPRODUZIONE RISERVATA