Carpi Un progetto mondiale per aiutare la piccola Vicky e la ricerca

La bimba di 7 anni soffre di una malattia rara che colpisce la vista, ma i genitori non si danno per vinti

Serena Arbizzi

CARPI. La piccola Vicky ha sette anni e un sorriso disarmante. La bambina soffre di una distrofia genetica della retina, tecnicamente l’Amaurosi congenita di Leber, che colpisce due bambini ogni 100mila e porta alla cecità.


Vicky rischia di perdere la vista entro i 10 anni a causa di questa malattia rara, ma lei è una grande combattente e così sono i suoi genitori: la milanese Silvia Cerolini e il carpigiano Enrico Orlandi.

La storia di Vicky, infatti, è ormai diventata di importanza internazionale, grazie al progetto Through Vicky’s Eyes, tradotto letteralmente: “attraverso gli occhi di Vicky”. Un progetto di raccolta fondi per sostenere la ricerca sulla malattia rara di cui soffre la piccola e che ha coinvolto personaggi dello spettacolo: da Chiara Ferragni a Milly Carlucci a Paolo Maldini, per citare qualche nome.

Oltre che per il papà carpigiano, la storia di Vicky tocca da vicino la Corte dei Pio anche per il grande cuore dimostrato dal Lions Club Alberto Pio, presieduto da Anna Bulgarelli. In un appuntamento che si è svolto a fine marzo, al quale hanno partecipato influencer e star del jet set, ha preso vita una raccolta fondi, Eyes on The Future Virtual Gala, in collaborazione con Fondazione Mediolanum e Retina Italia Onlus. Durante l’appuntamento si è svolta un’asta online con i premi di 86 personaggi famosi: dalle sneakers autografate dalla regina degli influencer Chiara Ferragni, alla maglia di Ronaldo, al pallone del Milan firmato da Paolo Maldini, un’ora di pattinaggio con Carolina Kostner, una giornata con il campione di sci nautico Daniele Cassioni.

L’impegno della famiglia di Vicky procede dal 2017 e, tramite molteplici eventi, ha tenuto alta l’attenzione su questa malattia rara ed è nato un network con associazioni quali Retina Uk, Retina Italia, Candle in the Dark (Belgio) e un’altra fondazione con sede negli Stati Uniti.

Un ulteriore contatto tra il Lions Club Alberto Pio e la famiglia di Vicky è avvenuto per gli auguri di Pasqua on line. «Una graditissima sorpresa per le socie del Club Alberto Pio. Durante lo scambio di auguri che si teneva, rigorosamente online – scrive Anna Bulgarelli, presidente del Club – si sono collegati Silvia ed Enrico, i genitori della piccola Vicky, che hanno ringraziato per il sostegno che le socie danno da anni alla ricerca contro la terribile malattia rara che rischia di fare perdere la vista alla bambina. Il coraggio e l’intraprendenza di questi genitori nel creare il progetto Through Vicky's Eyes sta portando grandi frutti. Anche la piccola Vicky ha ringraziato personalmente le socie mostrando loro il suo peluche preferito». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA