Manca poco al collaudo della seconda cassa «Il momento più atteso»

Elena Pelloni

San Cesario. «Siamo arrivati ad un momento atteso da anni» sono le parole dell’assessore regionale Irene Priolo nell'annunciare il collaudo della seconda cassa d’espansione di Sant’Anna. Il periodo di inizio delle operazioni è stato confermato dalla Regione: avverrà entro aprile. «Non sappiamo ancora il giorno esatto dell’inizio lavori – commenta il sindaco di San Cesario, Franceso Zuffi – ma sono previsti incontri tecnici di preparazione». Il collaudo avverrà secondo tre fasi. Nei prossimi giorni, si procederà alla prima fase delle procedure di invaso sperimentale a cura di Aipo. Il permesso a procedere è arrivato alla fine dello scorso novembre, autorizzato della direzione generale Dighe del ministero Infrastrutture e Trasporti (Mit). «Il collaudo si articolerà in tre tappe e la prima è ormai prossima all’avvio – spiega l’assessore Irene Priolo - Attraverso la chiusura delle paratoie della cassa, una delle più grandi d’Italia per capacità di invaso, sarà possibile riempirla fino ad un livello di 6 metri e mezzo attraverso il deflusso naturale del fiume Panaro. È questo lo step iniziale, che prevede la permanenza delle acque per dieci giorni consecutivi prima di poter procedere al rilascio». Sulla base dei risultati registrati in questa prima fase si procederà poi a due ulteriori fasi successive corrispondenti a gradi crescenti di riempimento, fino al colmo del manufatto principale con un volume di circa 23 milioni di metri cubi d’acqua. Queste operazioni verranno svolte tra la fine del 2021 e l’inizio del 2022 e sarà il Mit a rilasciare apposita autorizzazione. Per definire i tempi delle prove di invaso saranno fondamentali le condizioni meteo stagionali. Gli afflussi alla cassa devono dimostrarsi sufficienti a riempirla, ma le successive fasi non potranno essere eseguite in caso di previsione di eventi di piena significativi. In quei momenti la capacità dell’invaso deve essere disponibile per l’utilizzo in caso di necessità. —


© RIPRODUZIONE RISERVATA