Contenuto riservato agli abbonati

Caso covid in famiglia, mandano figlio a scuola Classe in quarantena nel Modenese

MODENA Figli mandati a scuola quando uno dei genitori è positivo. È successo anche questo in un istituto della provincia di Modena. Un episodio che ha mandato in quarantena una classe con tutte le conseguenze del caso e quindi rischio di diffusione del contagio, genitori costretti ai salti mortali tra lavoro e casa e 14 giorni di "odiata" didattica a distanza. A più di un anno dall’inizio dell’epidemia permangono comportamenti scorretti che mettono a repentaglio la salute di tutti, facendo scricchiolare anche i protocolli che sono stati studiati per la ripartenza della scuola. Protocolli stringenti che, però, anche a fronte di una scarsa responsabilità da parte di una sparuta minoranza, sembrano essere necessari. Il caso riportato sopra è esemplificativo di come il fronte comune nel combattere il contagio resti l’arma migliore, anche alla luce di quel patto di corresponsabilità in cui famiglie e scuola si sono impegnate per garantire la sicurezza comune. Come detto la classe è in quarantena forzata per 14 giorni fino a tampone negativo. Questa la grande novità introdotta dalla Regione per la ripartenza. L’ultimo dato fornito dall’Ausl è di tre giorni fa: dalla ripartenza delle lezioni in presenza sono 8 i focolai attivi nelle scuole. Per focolaio si intende una classe in cui ci sono almeno 2 casi di Covid accertati. —