Modena Progetto “mezzopieno” I baby-giornalisti e le buone notizie al tg delle Carducci

Tg Mezzopieno, il Tg delle buone notizie, realizzato dagli alunni della terza A delle scuola media Carducci di Modena. Si tratta del primo telegiornale di questo tipo realizzato dall’istituto, che sta portando avanti il progetto con grande entusiasmo e passione, grazie ad alcuni docenti e all’ottima risposta da parte degli studenti.

MODENA Il record del mondo dell’atleta paralimpica Ambra Sabatini, la trasformazione della plastica in mattoni grazie a una donna di Nairobi, la spugna green contro l’inquinamento, il divieto della caccia ai lupi in Spagna, Sarah Tomas la prima donna ad arbitrare un Superbowl.

Sono le notizie del Tg Mezzopieno, il Tg delle buone notizie, realizzato dagli alunni della terza A delle scuola media Carducci di Modena. Si tratta del primo telegiornale di questo tipo realizzato dall’istituto, che sta portando avanti il progetto con grande entusiasmo e passione, grazie ad alcuni docenti e all’ottima risposta da parte degli studenti.


È infatti nell’ambito delle attività che il progetto “Mezzopieno” cura da anni entro cui si pone questa iniziativa delle Carducci: laboratori didattici nelle classi in collaborazione con i docenti. Lo scopo principale è quello di analizzare il concetto di comunicazione positiva e giornalismo costruttivo, attraverso la realizzazione di un Tg delle buone notizie che i ragazzi hanno costruito sotto la supervisione della professoressa Francesca Cavazzuti, anello di congiunzione tra l’associazione guidata da Luca Streri e la scuola media Carducci.


Il progetto è semplice, ma molto interessante: gli alunni hanno avuto l’opportunità di guardare con occhi diversi la società in cui vivono e crescono. Le classi delle Carducci coinvolte sono dodici, un numero considerevole di gruppi e, possiamo dire, di giornaliste e giornalisti in erba che hanno accolto con entusiasmo l’idea proposta e, grazie alla disponibilità dei docenti, hanno realizzato con interesse e voglia di fare l’attività.


«Sommersi ogni giorno da una miriade di notizie ripetitive e alquanto negative – spiega la professoressa Cavazzuti – sembrava quasi impossibile trovarne una bella. Ma, cercando con attenzione, ognuno di loro è riuscito ad individuare uno spunto che potesse infondere energia positiva a se stesso e a tutti gli altri che lo possono ascoltare. Progetti di questo tipo contribuiscono quindi a migliorare la nostra società, rendendola capace di volgere lo sguardo verso realtà troppo spesso messe in secondo piano. Quale modo migliore, se non quello di partire da un ambiente come quello scolastico? I ragazzi rappresentano il seme del nostro futuro e bisogna investire nelle loro coscienze per contribuire a diffondere pratiche che armonizzino le società e i rapporti tra le persone».


I docenti responsabili, Andrea Troina e Alessandra Dell’Aversana, hanno spiegato di essere soddisfatti del lavoro finora svolto e hanno espresso l’auspicio che il progetto “Mezzopieno” possa diventare parte integrante delle Carducci ed estendere la sua scia positiva in tanti altri istituti, anche modenesi. Ma cos’è di preciso “Mezzopieno”? Si tratta di un movimento ampio, che si riconosce nei valori dell'azione costruttiva e della pratica collaborativa. I membri del movimento condividono l'impegno attivo per contribuire alla diffusione della cultura della positività e per la riduzione della conflittualità e della rivalità nella società.

Il progetto è nato in India nel 2005, è presente in Italia a partire dal 2013 e raccoglie una rete di persone ed enti impegnati attivamente in programmi ed iniziative di diverso genere, accomunati dal desiderio di contribuire alla diffusione di pratiche che armonizzino la società e i rapporti tra le persone. La rete del movimento opera per la redazione e la pubblicazione di Mezzopieno News, uno strumento giornalistico strutturato per favorire la diffusione di notizie positive e pratiche virtuose di impegno e di riscatto e, come è spiegato sul sito www.mezzopieno.org “dà voce agli aspetti positivi della realtà ha come obiettivo rendere onore alla bellezza, alla capacità e alla bontà, restituendo dignità e rispetto ad un mondo spesso considerato solo naif o buonista.


La comunità Mezzopieno non è un ente formale ma un gruppo di pensiero e di azione, un movimento trasversale che coinvolge e che si anima dell’entusiasmo di condividere un approccio comune tra realtà eterogenee”. Oltre a una pubblicazione cartacea gratuita (distribuita in tutta Italia da una rete di oltre 600 volontari), Mezzopieno è anche un Tg delle buone notizie realizzato, appunto, da diverse scuole del Paese. —