Contenuto riservato agli abbonati

A Modena la birreria più grande d’Italia

Già praticamente esauriti i primi 300 posti per la serata inaugurale della nuova Lowengrube prevista il 14 maggio in via Emilia Est

MODENA. L’Oktoberfest arriva a Modena. Il 14 maggio aprirà infatti dopo una lunga attesa quella che viene definita la più grande “bierstube” d’Italia, facente parte della catena in franchising Lowengrube. L’inaugurazione è prevista alle ore 17: per adesso sarà possibile solo frequentare gli spazi all’aperto del locale, l’edificio della ex Caprotti arredamenti in via Emilia Est 1333, completamente ristrutturato.

Già praticamente esauriti i 300 posti disponibili per venerdì 14, divisi in tre turni da 100 clienti ciascuno: il locale ovviamente chiuderà alle ore 22. Le specialità e le tradizioni della Germania verranno riproposte dalla birreria di Modena (la numero 25 con le insegne della Lowengrube in Italia) in ampi spazi pensati per famiglie e amici, con arredi in legno e ottone e decori bianco-blu, i colori della bandiera bavarese.

Musiche tradizionali e camerieri in costume tipico accoglieranno i clienti in cerca di un’esperienza originale e delle atmosfere autentiche di un viaggio in Baviera. Oltre alle stesse birre che si possono assaporare all’Oktoberfest di Monaco non mancheranno nel menu bretzel e currywurst ma senza dimenticare piatti con ricette senza glutine e per vegetariani; per i più piccoli è prevista infine l’Area Kinder, dove far giocare e divertire i bambini in tutta sicurezza.

A regime la Lowengrube di Modena garantirà una sessantina di nuovi posti di lavoro (operatori e manager di sala e di cucina): in pratica si tratta quasi esclusivamente di giovani della provincia, di età compresa tra i 20 e i 35 anni, spiega lo store manager Marco Ugolini.

La birreria di via Emilia Est si sviluppa su 1400 metri quadrati suddivisi su due piani, con grandi spazi interni e all’esterno un “Biergarten” per il periodo estivo. 750 sono i posti complessivi a sedere. Non sono previste chiusure settimanali.

Disponibile anche una sala per gli eventi, in affitto per feste private. Gli investitori che hanno puntato su questa nuova apertura a Modena sono gli stessi affiliati che hanno da qualche anno inaugurato un locale simile in zona Roveri a Bologna: Filippo Fochi, Ferruccio Pervisa, Fabio Pasini e Gianni Ugolini, riuniti nella Lowenguys srl. La Lowengrube cittadina era già pronta ad aprire nel novembre scorso ma il Covid-19 ha costretto tutti (clienti e dipendenti) ad attendere sei mesi.

E proprio in un periodo nel quale la catena toscana aveva deciso di lanciare un importante piano di espansione quinquennale. All’inaugurazione di venerdì 14 maggio non mancherà Pietro Nicastro, amministratore delegato di Lowen-com, fondatore del primo locale di questo tipo a Firenze con Monica Fantoni nel 2005 e alla guida della Lowengrube, che dal 2014 replica il primo successo e supporta gli imprenditori affiliati su organizzazione, logistica, approvvigionamenti e anche sulla qualità del cibo offerto.

Lowengrube ha tra l’altro da poco aperto da poche settimane per la prima volta un locale fuori dai nostri confini, nel complesso multifunzionale Arena Center di Tirana, in Albania, dove si trova pure lo stadio cittadino. In Emilia a quanto pare nuove birrerie di questa catena di successo dovrebbero inaugurare entro l’anno sia a Ravenna che a Reggio Emilia. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA