Contenuto riservato agli abbonati

Carpi. Vola in auto nel canale. Una 26enne si mette in salvo a nuoto

La giovane  è uscita dalla sua Seat Altea sprofondata nell’acqua. Portata al Ramazzini per accertamenti

Carpi. È sbandata nel canale mentre viaggiava sulla sua auto, ma è riuscita a mettersi in salvo grazie a una lucidità di riflessi non comune.

Avrebbe potuto avere conseguenze molto peggiori l’incidente che si è verificato nella tarda serata di giovedì, nel Reggiano.


Erano quasi le 23 quando una Seat Altea, con a bordo una ragazza di 26 anni, di Carpi, stava percorrendo via Naviglio, una strada che costeggia le acque del canale di bonifica. La giovane, per cause in corso di accertamento da parte dei carabinieri di Novellara, è sbandata ed è finita con la macchina nel canale.

La ragazza non si è persa d’animo ma ha lottato con tutte le sue forze per uscire dall’abitacolo. È riuscita a mettersi in salvo attraverso il lunotto posteriore, sfruttando i secondi preziosi prima che la Seat fosse interamente sommersa dall’acqua.

La 26enne è ancora sotto choc per la disavventura che è terminata fortunatamente a lieto fine. E non ha riportato danni. È stata accompagnata al Ramazzini per accertamenti, dopo che i famigliari l’hanno raggiunta sul luogo dell’incidente.

In via Naviglio, a Fabbrico, sono arrivati, inoltre, i vigili del fuoco di Guastalla. Sono state particolarmente impegnative le operazioni per estrarre l’auto dal canale: è stato necessario utilizzare l’autogru. I pompieri sono riusciti anche a recuperare gli oggetti personali e il denaro contenuti all’interno della macchina.

Sul posto, come detto, sono arrivati anche i militari per gli accertamenti, i quali hanno verificato anche la motivazione per cui la giovane non era a casa dopo le 22, orario stabilito dal coprifuoco.

Nell’impatto non sono stati coinvolti altri veicoli. Dai primi accertamenti pare infatti che la ragazza abbia fatto tutto da sola.

Un episodio simile era avvenuto soltanto poche settimane fa, in via Cavetto Gherardo, al confine tra Limidi e Cortile, dove un’auto era finita nel canale che costeggia la strada. Allarmante la scena che si erano trovati davanti i soccorritori.

Un’auto si stava inabissando sul fondo del canale e non si sapeva se a bordo ci fosse qualcuno. Tempestivo è stato l’arrivo dei vigili del fuoco del distaccamento di Carpi e della Polizia locale delle Terre d’Argine. Sul posto erano stati chiamati anche i vigili del fuoco sommozzatori da Bologna, per organizzare tutte le forze in campo, nel caso qualcuno fosse rimasto imprigionato nell’auto. Grazie ai documenti recuperati in auto e alla targa si era risaliti all’identità della proprietaria, una donna di 51 anni, residente a pochi chilometri di distanza dal luogo dell’incidente, a Soliera.

Ed era spuntato un testimone, che aveva visto due giovani uscire dalla macchina, rimasta quindi vuota, in modo fulmineo. —