Carpi, l'ex vice sindaco Morelli assolto dall'accusa di tentata concussione

Il politico era arrivato a processo per la nota vicenda dei dehors dei bar in particolare del locale gestito da colei che sarebbe poi diventata la sua compagna. Il pm aveva chiesto un anno e sei mesi di condanna, per i giudici il fatto non sussiste

MODENA. L’ex vice sindaco di Carpi Simone Morelli imputato per tentata concussione è stato assolto dal tribunale di Modena perché il fatto non sussiste.

Carpi, il sollievo di Morelli dopo l'assoluzione: "Visto? Non sono Mangiafuoco"

Il politico era arrivato a processo per la nota vicenda dei dehors dei bar in particolare del locale gestito da colei che sarebbe poi diventata la sua compagna. Il pm aveva chiesto un anno e sei mesi di condanna, ma per i giudici la verità processuale ha raccontato di un vice sindaco molto impegnato nella promozione della città e della vivibilità di piazza Martiri. Le richieste a due commercianti di autorizzare l’installazione di un dehors del bar Le Macine non furono quindi una tentata concussione.