Contenuto riservato agli abbonati

Quegli spettacoli sold-out che offre il Fabbri di Vignola

Francesca Franchini: «Ripartenza ricca di entusiasmo e con tanta emozione Ci mancava il pubblico Siamo un punto di ritrovo»

vignola. Il Teatro Fabbri di Vignola ha riaperto la stagione venerdì. “Rapimento” è il titolo del primo evento targato Ert, primo in tutte le sale della fondazione ed esito del lavoro di una delle sue residenze artistiche. «Sono due giorni che sono febbricitante per questo nuovo inizio – afferma una delle colonne del Fabbri di Vignola, Francesca Franchini – Non ci siamo mai fermati in questi mesi, nonostante l’assenza del pubblico. Abbiamo tutti continuato a lavorare in vista di questo momento. E adesso è davvero una grande emozione».

Il primo evento, un’installazione artistica, permette a ogni spettatore di poter fruire per 15 minuti di una performance in esclusiva, rimanendo da solo in tutto il teatro. «Le prenotazioni sono praticamente andate sold-out e questo è il messaggio più bello che potesse arrivarci – aggiunge Francesca – A noi mancava solo una cosa: il pubblico. Certo, gli eventi online non sono mai mancati ed Ert in questo senso ha fatto davvero un grande lavoro. Ma il nostro teatro è un punto di ritrovo per moltissime persone. Qui la gente riscopre il gusto dello stare insieme e di discutere di arte e di spettacolo. Molti dei nostri affezionati spettatori, quando mi incontravano per strada mi chiedevano “Allora? Tra quanto potremo tornare in teatro?”. Ecco, questo per chi fa il mio mestiere è una cosa che non ha prezzo».


I prossimi spettacoli in cartellone sono “La lettera” dal 13 al 15 e “Teatro d’eccezione in Quattro lati” dal 24 al 27 maggio. Chi deve ancora usufruire di alcuni spettacoli già acquistati con un abbonamento prima del lockdown ha tempo per farlo fino al termine di questa stagione. —

E.P.

© RIPRODUZIONE RISERVATA