Contenuto riservato agli abbonati

Entra in caserma e incrocia i suoi rapinatori

Il 77enne invalido spintonato in casa: ha individuato i tre modenesi, appena fermati dai carabinieri, mentre andava a fare denuncia

Non hanno esitato ad aggredire un anziano invalido spingendolo dentro casa a scopo di rapinarlo. I banditi sarebbero un 60enne, una 58enne e un 40enne, tutti residenti a Modena, incastratati dalle indagini dei carabinieri di Castellarano, che li hanno indagati in quanto responsabili della tentata rapina compiuta la mattina del primo maggio scorso all’interno dell’abitazione di un 77enne invalido civile.

Secondo quanto ricostruito dagli investigatori erano da poco passate le 11 quando due donne giunte a bordo di un’auto di colore blu, condotta da un uomo, sono scese dalla vettura, avvicinando l’anziano che si trovava nel cortile di casa.


Una delle due donne lo ha tirato per la maglia spingendolo verso l’interno dell’abitazione dove lo ha tenuto sott’occhio mentre la complice ha incominciato ad aprire armadi e cassetti nelle camere.

L’abbaiare dei cani dei vicini, l’arrivo del fratello della vittima e il sopraggiungere dei carabinieri, allertati proprio dal parente del 77enne, hanno fatto fuggire le donne a bordo dell’auto con cui erano arrivate. I rapinatori non sono riusciti a rubare nulla ma sono stati comunque visti anche da un testimone.

Acquisita la descrizione dei tre, il colore e il tipo dell’auto i carabinieri hanno analizzato le immagini delle telecamere dei varchi comunali identificando l’auto, che entrava ed usciva dal paese. La stessa vettura è stata poi fermata pochi giorni dopo di nuovo a Castellarano: alla guida c’era un uomo e a bordo due donne che sono state accompagnate in caserma. E sempre in caserma si sono trovati di fronte alla vittima, andata per fare formale denuncia di quanto accaduto. Il riconoscimento visivo è stato pressoché immediato con l’anziano che ha confermato essere proprio quello il trio che aveva tentato di rapinarlo nel giorno della Festa dei lavoratori.

Il riconoscimento ha perciò aggiunto prove alle risultanze acquisite anche dai filmati dei varchi dove era stato registrato il passaggio dell’auto e soprattutto ha permesso di farsi un’idea della fisionomia dei tre occupanti, immortalati senza alcun dubbio. Acquisiti a loro carico i dovuti elementi di responsabilità gli stessi sono stati quindi denunciati alla Procura reggiana per tentata rapina. Si tratta di nomadi, già conosciuti alle forze dell’ordine. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA