Contenuto riservato agli abbonati

Modena piange Luciano Pagani, corista di talento

MODENA. È sconparso ieri all’età di 85 anni, Luciano Pagani, noto cantante e memoria storica della Corale Rossini di Modena. “Paganuccio”, così era affettuosamente chiamato dagli amici coristi, è stato un amministrativo del Policlinico di Modena ma la sua grande passione è sempre stata la lirica, era un basso. Di lui dice Romano Maletti, presidente della Corale: «Amava l’esattezza, la correttezza e la verità storica. Di ogni evento, di ogni foto e di ogni persona incontrata in Rossini o in teatro, ricordava, nomi, date e circostanze. Entrò nelle file dei bassi fin dal 1956 – continua Maletti- e lì rimase finché le forze glielo hanno permesso«.



Da sempre corista anche del Teatro Comunale Pavarotti Freni, la carriera coristica di Pagani ha avuto uno sviluppo importante anche fuori dalla nostra città: è stato corista aggiunto al “Regio” di Parma, al “Regio” di Torino, al Comunale di Bologna, allo Sferisterio di Macerata, al Carlo Felice di Genova e ha partecipato al Concorso Internazionale di “Cork” (Irlanda), nel quale la Rossini bissò la vittoriosa spedizione di llangollen (Galles) di due anni prima, e a tutte le altre manifestazioni che portarono al coro successi e notorietà. Ad iniziarlo alla lirica era stato proprio lui, l'amico Luciano Pavarotti, quando, insieme all’amico Ivano Bulgarelli, furono invitati dal grande tenore a unirsi alla Rossini mentre ancora erano studenti dell'ultimo anno delle Magistrali “Carlo Sigonio” di Modena. «Con Luciano Pagani – conclude Maletti- la Rossini perde non soltanto una voce di una volta, ma anche un prezioso, fedele, affidabile ed insostituibile collaboratore ed animatore». Per chi vorrà esprimere il proprio cordoglio la salma di Luciano Pagani sarà portata presso la casa funeraria “Terracielo” , in via Emila Est. Oggi sarà comunicata la data dei funerali. —

P.D.

© RIPRODUZIONE RISERVATA