Contenuto riservato agli abbonati

Schianto in moto a Carpi, muore poliziotto

Via Roosevelt. L’agente Fabio Terzilli era in sella alla sua Yamaha che si è scontrata con una Passat

CARPI Un vuoto incolmabile.

Questo lascia in tutti quelli che hanno avuto il privilegio di conoscerlo, Fabio Terzilli, classe 1975, poliziotto presso il Commissariato di Carpi, deceduto in seguito a un rovinoso impatto, avvenuto mentre era in sella alla sua moto, una Yamaha.

Carpi, auto contro moto: il poliziotto Fabio Terzilli non ce l'ha fatta



Il violento scontro contro un’auto è avvenuto intorno alle 18 di ieri, in via Roosevelt. La dinamica è al vaglio della Polizia locale delle Terre d’Argine, ma secondo le prime ricostruzioni, Terzilli stava percorrendo in moto la lunga arteria di Cibeno. Arrivato all’incrocio con via Lago d’Idro, l’impatto con una Volkswagen Passat è stato inevitabile. Sono in corso tutti gli accertamenti per verificare che l’automobilista abbia rispettato o meno lo Stop previsto dalla viabilità al termine della strada.

Carpi, auto contro moto: il poliziotto Fabio Terzilli non ce l'ha fatta



La moto è stata scaraventata dall’impatto parecchi metri più in là, finendo a lato della carreggiata. Nello schianto è volato sull’asfalto anche il casco.

Gli agenti della Polizia locale hanno bloccato il tratto di via Roosevelt per procedere con i rilievi. Sul posto sono arrivati anche i carabinieri della Compagnia di Carpi. Così come il personale del 118, giunto con un’ambulanza e l’elicottero da Pavullo, che ha trasportato il ferito, intubato e incosciente, al Maggiore di Bologna. In ospedale, purtroppo, è avvenuto il decesso.

Terzilli lascia la moglie Barbara e due figli ai quali era legato da un affetto incommensurabile e da un profondo senso di protezione.

Tutto il Commissariato di Carpi e la Questura di Modena sono in lutto per la grave perdita. Oltre ad essere un leale compagno di lavoro, Terzilli si era distinto per il grande impegno profuso nei tanti anni trascorsi in Polizia, facendo anche numerosi sacrifici. Come quando, in seguito a un inseguimento di criminali albanesi, rimase ferito a una gamba. Anche di recente incassò un successo, con la partecipazione alla complessa operazione che ha consentito di incastrare i ladri di trattori che hanno provocato gravi danni ai proprietari in tutta la provincia e anche oltre.

Fabio amava moltissimo la bicicletta e lo sport in generale, così come il mare. Originario di Teramo, custodiva la sua terra nel profondo del cuore e non perdeva occasione per parlarne.

La scomparsa di Terzilli lascia sgomenti tutti i carpigiani. «Ero abituato a leggere cose belle legate a te – dice il sindaco Alberto Bellelli, rivolgendo un’affettuosa dedica al poliziotto scomparso – Come pochi giorni fa, quando ti feci i complimenti per il successo di una importante operazione anticrimine. Ci dovevamo prendere un caffè in settimana, per scherzare con la stessa allegria di 20 anni fa, all’Osteria dei Poeti. Mi ricordo che con una birra si passava la serata. E anche adesso, con ruoli e responsabilità diverse, i capelli più bianchi e qualche ruga sulla fronte, quella voglia di sorridere non c’è mai passata. Chi ti ha conosciuto qui a Carpi non si dimenticherà di te. Hai sempre lasciato il segno. Ciao Fabio, un abbraccio immenso alla tua famiglia ed ai tuoi colleghi».

In serata alcuni colleghi della Polizia hanno raggiunto il Maggiore di Bologna. —