Contenuto riservato agli abbonati

Sestola e Fanano protagoniste del Giro d’Italia Under 23

Tomei della Provincia e Cassani ct della nazionale: «Un’altra manifestazione per fare conoscere le bellezze del nostro Appennino»

Sperando in una bella giornata estiva (non proprio quello che ha accompagnato il Giro di un paio di settimane fa), il grande ciclismo ritorna sulle strade dell'Appennino con la 44ma edizione del Giro d'Italia Giovani Under 23. Lunedì 7 giugno, infatti, è in programma la quinta tappa della corsa che si svolgerà con partenza da Fanano e arrivo a Sestola, percorrendo parte del tracciato della recente tappa del Giro d'Italia dell'11 maggio scorso. La tappa modenese, che viene organizzata con il contributo della Fondazione Cassa di risparmio di Modena, è stata presentata, nella sede della Provincia, con la partecipazione on line anche del commissario tecnico della nazionale italiana di maschile di ciclismo Davide Cassani. Sarà una nuova opportunità, ha sottolineato Tomei, «per valorizzare il nostro territorio e l'Appennino in particolare; siamo orgogliosi di ospitare una corsa così importante e la scelta degli organizzatori rappresenta il riconoscimento della nostra capacità di attrarre grandi eventi». Concetti ripresi anche dal sindaco di Sestola Bonucchi nel sottolineare che queste iniziative «rappresentano un traino fondamentale per il turismo, soprattutto quello legato alle due ruote, in vista di un'estate importante per la ripresa di questo settore». E dal sindaco di Fanano Muzzarelli che ha ricordato come l'Appennino sia «un luogo ideale per praticare tutte le discipline legate alla bici, grazie ai i numerosi percorsi dedicati alla mountain bike, mentre i cicloturisti trovano una rete stradale molto varia che attraversa scenari naturali unici a patire dal monte Cimone». Nel suo saluto in collegamento dal Giro d'Italia, il ct della nazionale di ciclismo Davide Cassani ha parlato della tappa modenese del Giro giovani che «segue nella parte finale quella recente del Giro professionisti vinta da Dombrowsky. Il Giro giovani - ha aggiunto - è fondamentale per la crescita dei nuovi talenti del ciclismo nazionale ed eventi come questo rappresentano anche una opportunità importante per il rilancio turistico». Tra gli italiani attesi quest'anno ci sono Martinelli, Benedetti, Zambanini, Nencini, Colnaghi, Gazzoli, Rastelli, Baroncini. Tutte le informazioni sulla manifestazione su www.giroditaliau23.it. —