Contenuto riservato agli abbonati

Zocca, una folla commossa per l’addio a Morgan

Il paese si è fermato e si è stretto a fianco dei genitori. L’abbraccio degli amici. Lutto cittadino, le serrande abbassate

ZOCCA. Più di 500 persone hanno partecipato ieri mattina ai funerali, dentro e fuori dalla chiesa, per dare l’ultimo saluto a Morgan Grandi, il diciottenne che sabato scorso ha perso la vita a Marano in un incidente mentre stava riaccompagnando a casa un’amica.

Una comunità sconvolta, un paese intero che si è fermato per ricordare il giovane scomparso. Strade deserte, negozi con la serranda abbassata, come richiesto dall’amministrazione comunale, che ha proclamato il lutto cittadino. Una grande folla, in piedi sul sagrato della chiesa, ha assistito in silenzio alle esequie, in segno di affetto e vicinanza alla famiglia. Tantissimi i giovani che hanno preso parte al funerale, tra loro il sindaco e alcuni assessori e. Oltre a loro era presente anche l’assessore Tondi, inviato dal sindaco di Marano in rappresentanza del Comune.


Una lunga ed emozionante cerimonia nella quale il parroco, don Martino, ha avuto modo di ricordare il giovane, che anni prima aveva spesso frequentato l’oratorio parrocchiale ed era conosciuto da tutti. Nella parte finale della celebrazione tanti gli interventi a ricordo di Morgan, a cominciare da quello degli amici più stretti, che si sono a turno susseguiti leggendo una toccante lettera di addio. «Hai lasciato un vuoto incolmabile all’interno del gruppo, che resterà unito come avresti sempre voluto tu – hanno scritto gli amici – Avrai sempre un posto nel nostro cuore e non verrai mai dimenticato, perché faremo il possibile per mantenere vivo il tuo ricordo. Ci siamo fatti forza a vicenda e continueremo a farlo perché siamo sicuri che da lassù non vorresti mai vederci tristi».

Tanti i compagni di classe di Morgan, oltre ad alcuni professori dell’istituto Levi di Vignola, che hanno raggiunto Zocca per i funerali, dedicando anche loro al giovane scomparso un ultimo saluto. «Eri una persona speciale, dal cuore d’oro, una persona che non mollava mai. Ripenso a quando prendevi un brutto voto e non ti abbattevi, ma lottavi fino a raggiungere l’obbiettivo – ricordano gli amici – Adesso vedere quel banco vuoto fa male, ma ancor di più fa male sapere che tu non ci sia più».

Alla fine è intervenuto anche il sindaco Tanari.

Visibilmente commosso e provato, ha sottolineato la grande partecipazione della comunità per stringersi, nei momenti più difficili, intorno a chi sta soffrendo. Al termine della celebrazione sul sagrato è stato proiettato un video, realizzato dagli amici, con sottofondo il brano “Canzone per un’amica” di Francesco Guccini, in cui scorrevano foto e video di Morgan.

Sono poi stati lanciati in cielo dei palloncini bianchi, prima che gli amici trasportassero la salma del giovane sul carro funebre, che i è avviato verso Modena per la cremazione. —