Contenuto riservato agli abbonati

Maranello. Bottura è pronto A metà giugno apre il nuovo ristorante Cavallino

Lo storico locale caro a Ferrari sarà inaugurato il 15 giugno Prenotazioni e sito operativi già da oggi. A luglio festa

Gianluca Pedrazzi

MARANELLO. E venne l’atteso giorno della riapertura. Che sarà il 15 giugno. Riapre il ristorante “Cavallino” dall’altra parte della strada dello storico cancello di via Abetone della Ferrari. Un must per la cucina modenese che sarà targato Massimo Bottura. È al numero uno degli chef che la Ferrari ha deciso di affidare la nuiova gestione del ristorante tanto caro al Drake, tanto caro ai piloti della Rossa e che al suo interno, sulle pareti e mobili aveva foto, trofei, cimeli della storia del Mito. Da metà mese il ristorante completamente rinnovato riaprirà le porte, ma già da oggi con la comparsa di un nuovo sito ad hoc sul web - www.ristorantecavallino.com - sarà possibile prenotarsi per pranzo e cena. A metà luglio dovrebbe poi esserci una festa celebrativa della riapertura. Lo chef Massimo Bottura proporrà un'esperienza gastronomica del territorio modenese, affondando le radici nella cucina tradizionale con un'interpretazione in chiave contemporanea. Ideato seguendo l'identità del luogo e delle tipiche trattorie.Iil progetto è stato curato dall’architetto India Mahdavi. Un viaggio attraverso le emozioni che passa dalla storia, alla cucina fino al design. Il “Cavallino” pilotato da Bottura sarà aperto tutti i giorni, da lunedì a domenica, per pranzo e cena ed è facile immaginare che uno dei primi a sedersi a tavola sarà il presidente e ceo della Ferrari, John Elkann che, nella recente presentazione del bilancio , ha sottolineato quanto «i progetti volti alla creazione di nuove opportunità significative con il marchio Ferrari registrino buoni progressi. Lo storico Ristorante Cavallino, in particolare, sta per riaprire le porte: la storia e la tradizione del ristorante sono state reinterpretate in una moderna trattoria modenese grazie alla collaborazione del celebre architetto India Mahdavi, mentre lo chef stellato Bottura contribuirà con il suo virtuosismo gastronomico per un’esperienza culinaria unica». Il ristorante era stato chiuso momentaneamente per una profonda ristrutturazione e mentre ci si dedicava a un restyling del locale, c’è stata l’occasione per mettere anche all’asta alcuni oggetti presenti nel locale: 170 lotti sono stati battuti, tutti pezzi di una collezione presenti nel locale che ripercorrevano gli ultimi 36 anni del Cavallino.Che locale sarà? «Proporremo una cucina profondamente tradizionale senza però mai essere nostalgica: il mio sogno è vedere i dipendenti della casa automobilistica venire al Cavallino a festeggiare i giorni più importanti della loro vita. Durante il lockdown ogni giovedì ci collegavamo con quelli della Ferrari per portare avanti il progetto. Lo abbiamo terminato proprio il giorno prima della riapertura poi sono iniziati i lavori...», ha detto nei giorni scorsi il celebrato chef modenese. —