Da stasera il coprifuoco scatta a mezzanotte

ROMA. Il desiderio di tornare alla normalità è grande e il calendario delle riaperture viaggia spedito. A partire da oggi infatti anche Liguria, Veneto, Umbria e Abruzzo entrano in zona bianca andando a fare compagnia a Sardegna, Friuli Venezia Giulia e Molise mentre per le regioni gialle il coprifuoco passa dalle 23 alla mezzanotte. Entro il 21 giugno tutta l’Italia dovrebbe diventare zona bianca con la sola eccezione della Valle d’Aosta, dove per raggiungere l’agognato traguardo occorrerà attendere la settimana successiva.

Intanto i dati epidemiologici sull’andamento della pandemia certificano la prosecuzione della discesa dei casi e dell’impatto sui reparti ospedalieri. I contagi registrati nel bollettino del ministero della Salute nell’arco delle ultime ventiquattro ore sono stati 2.275 con 51 decessi (il totale delle vittime dall’inizio della pandemia sale così a 126.523) e un tasso di positività pari all’1,5 per cento.


I ricoverati nei reparti di terapia intensiva sono 774 (quattordici in meno rispetto a sabato con venti nuovi ingressi) mentre quelli nei reparti di degenza Covid scendono sotto quota cinquemila assestandosi a quota 4.963 contro i 5.193 registrati nella giornata di sabato (meno 230).

Per quanto riguarda le diverse regioni, infine, sempre in testa per il numero di casi positivi resta la Lombardia con 359 nuovi casi, seguita da Sicilia (275), Campania (255) e Lazio (233). —