Contenuto riservato agli abbonati

Il 45% dei modenesi ha avuto una dose di vaccino. I vax day un successo, ora tocca ai minori

Sono oltre 424mila le somministrazioni totali in provincia. Da oggi prenotano gli adolescenti dai 12 ai 19 anni

Giovanni Balugani

Bene, anzi benissimo. La “domenica dei vaccini” istituita dall’Ausl è andata così bene da essere il miglior spot di quanto i cittadini siano desiderosi di vaccinarsi il più presto possibile. Idealmente se ci fosse la possibilità di vaccinare 24 ore su 24, 7 giorni su 7 siamo certi che tutti i modenesi intenzionati a vaccinarsi si metterebbero in coda. La testimonianza è stata la prenotazione per le sedute straordinarie che si sono tenute ieri a Pavullo e San Felice, con 1.600 posti andati esauriti in otto minuti.


«Siamo soddisfatti – ha detto il direttore generale dell’Ausl Antonio Brambilla – dei nostri primi Open Day. In modo ordinato proseguiremo con questa modalità in forma graduale e in base alla disponibilità di vaccini, organizzando Open Day in punti vaccinali di altri distretti sanitari. Grazie ancora una volta a tutti gli operatori che si impegnano senza sosta per la buona riuscita della campagna vaccinale»

Tuttavia la scarsa disponibilità di dosi impone al sistema sanitario di muoversi più lentamente di quanto potrebbe. Si sbatte contro una realtà, quella dei numeri, che ci dice che l’immunità di gregge è ancora lontana, anche se ci avviciniamo lentamente alla soglia del 50% dei cittadini con almeno una dose. Siamo al 45%, non male ma sicuramente con più dosi si toccherebbero percentuali ben superiori.

Il conteggio è piuttosto semplice. Nel Modenese i cittadini con più di 12 anni sono circa 631mila. Di questi 146mila hanno completato il ciclo vaccinale. È il 23,1% della popolazione. Sono 132mila i modenesi che hanno ricevuto solo la prima dose (21%). La somma tra chi ha ricevuto una o due dosi è di 278mila: il 44%. I restanti 352mila (55%) devono ancora eseguire la prima somministrazione. L’immunità di gregge è attorno al 70%, per raggiungerla mancano circa 160mila dosi.

Il traguardo è vicino e da oggi entreranno in campo anche gli adolescenti. I ragazzi tra i 12 e i 19 anni potranno prenotare la propria dose attraverso i canali Ausl (ovviamente per i minori spetterà ai genitori). Le modalità di prenotazione sono le seguenti: per telefono, chiamando il numero 059 2025333, da lunedì a venerdì dalle 8 alle 18 e il sabato dalle 8 alle 13; tramite il Fascicolo sanitario elettronico (con accesso da quello dei genitori nel caso di minori, se associato); collegandosi al sito Cupweb; attraverso l’App “ER Salute”; nelle farmacie private e comunali della provincia di Modena; o presso i Corner Salute nelle Coop.

Queste le date per le altre fasce di popolazione sotto i 40 anni: mercoledì 9 e giovedì 10 giugno sarà il turno della fascia tra i 35 e i 39 anni, mentre da venerdì 11 a domenica 13 toccherà ai cittadini tra i 30 e i 34 anni prenotare la propria dose. Si prosegue la settimana successiva con la fascia 25-29 anni (lunedì 14 e martedì 15 giugno), per poi concludere mercoledì 16, giovedì 17 e venerdì 18 con la fascia 20-24.

E visto il successo degli Open Day l’Ausl è intenzionata a ripetere l’esperienza di ieri. Dopo il distretto del Frignano e della Bassa, si procederà con una seduta straordinaria per ciascun distretto della provincia, quindi Vignola, Carpi, Castelfranco, Sassuolo e Modena.

Un’ulteriore spinta per la campagna vaccinale modenese che deve mettere il turbo per centrare l’obiettivo che il direttore generale Antonio Brambilla aveva annunciato nelle settimane scorse: riuscire a garantire almeno una dose a tutti entro agosto.

IL BOLLETTINO

Sono 30 i nuovi positivi a Modena e provincia, di cui 16 sintomatici. Nessuno è stato ricoverato. Si registra anche un decesso (l’unico in regione), un 59enne di Prignano che era ricoverato a Reggio. In Emilia Romagna i casi sono stati 172 su 11.644 tamponi. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 70 (+2), 412 quelli negli altri reparti Covid (-11). —

© RIPRODUZIONE RISERVATA