Contenuto riservato agli abbonati

Modena e vacanze, come spostare il vaccino: settemila 40enni l’hanno già fatto

Donini: «Non è una cifra alta: solo il 6%». Ecco il numero per chi ha problemi di date. Oggi tocca alla fascia 35-39

MODENA.  Sui 112mila appuntamenti avuti ad oggi dai 40enni in Emilia-Romagna per la vaccinazione anti-covid, sono 7mila le richieste di modifica.

Lo ha comunicato l’assessore alla Salute Raffaele Donini che ieri in assemblea legislativa ha risposto a una interrogazione di Silvia Piccinini (Cinquestelle).


Sono stati molti infatti i 40enni che dopo aver ricevuto l’appuntamento hanno fatto due conti e si sono trovati costretti a spostarlo, poiché spesso e volentieri la seconda dose cadeva nel periodo della ferie. Un vero problema, dato che, come noto, il richiamo deve essere eseguito all’interno di un preciso intervallo di tempo.

Quello dei 7mila su 112mila è comunque un numero limitato secondo Donini: «Quindi siamo intorno al 6% di persone che hanno cambiato la data».

Piccinini ha chiesto tuttavia che le aziende sanitarie si impegnino a una maggiore flessibilità per i cittadini nella scelta della data sia della prima sia della seconda dose, in particolare per la fascia di età 40-49 anni che «ha più di altri carichi familiari e di lavoro» da conciliare con la campagna vaccinale. A questo si aggiunge il fatto che negli ultimi giorni sono arrivate «informazioni contraddittorie e confuse» sulla data dei richiami e sulla possibilità di spostare gli appuntamenti, oltre a «soluzioni operative diverse tra le singole province» che aumentano la confusione.

«Il rischio - avverte Piccinini- è creare un forte disagio e un allontanamento dei cittadini» rispetto alla campagna vaccinale. Donini ha replicato che proprio l’Emilia Romagna «ha sollevato a livello nazionale la richiesta di andare incontro alle esigenze ai cittadini. La prima dose può essere scelta dai cittadini, mentre per il richiamo le Ausl avranno premura di garantirlo entro il 42esimo giorno per poter gestire le varie necessità legati a impegni e vacanze».

E poi ricorda: «Abbiamo dovuto aprire alla fascia 40enni quando non avevamo ancora aperto le agende, in ragione dell’ordinanza del commissario Figliuolo. E quindi abbiamo utilizzato il sistema di pre-registrazione sul sito della Regione. Appena c’è stata la possibilità di inserirli nelle agende, abbiamo considerato coloro che si sono iscritti al sito come prioritari rispetto alla platea dei 40enni. Quindi a loro è stata assegnata una data prioritaria». Resta dunque la possibilità per i 40enni di modificare la propria data (ma anche per le altre fasce di età) chiamando l’azienda Ausl al numero 0592025333 (da lunedì a venerdì dalle 8 alle 18 e il sabato dalle 8 alle 13).

I DATI DELLA PROVINCIA

Restano solo 59 pazienti ricoverati per Covid nelle strutture sanitarie di Modena e provincia. È un dato che va a migliorare ancora quello della settimana scorsa quando erano 82: un -20% che continua a far ben sperare per il futuro. Tutti i numeri sono in costante calo. I cittadini modenesi positivi al Covid in questo momento sono 791, una settimana fa erano 1.096: c’è stata anche qui una riduzione sensibile, il 28%. Calano i soggetti in isolamento (-38%), mentre aumentano le vaccinazioni.

Finalmente si riprende a correre con numeri importanti dopo alcuni giorni meno brillanti: l’ultimo dato è quello di domenica quando, anche grazie agli Open day, sono state eseguite a Modena 5.876 somministrazioni. Siamo ancora lontani dai numeri promessi (potenzialmente Modena ne potrebbe eseguire anche 10mila al giorno), ma già quando sarà disponibile il dato di lunedì potrebbero esserci importanti novità. A inizio settimana infatti sono iniziate le iniezioni in Ferrari e anche i medici di Medicina generale hanno iniziato a dare il proprio contributo nella fascia 50-54 anni. Nel frattempo Ausl ha reso noto l’aggiornamento del totale delle persone protette dal virus. Si intendono quei cittadini che hanno ricevuto almeno una dose di vaccino o che sono guariti. Ebbene il 50 per cento della popolazione residente in provincia di Modena risulta non suscettibile di infezione.

il bollettino

Restano bassi i numeri delle ultime 24 ore nel Modenese. Sono 17 i nuovi positivi, di cui 12 sintomatici. Nessuno è stato ricoverato. Si registra un decesso, un residente in città del 1934. I nuovi guariti sono 46. A livello regionale si registrano 99 nuovi casi su 20.285 tamponi. I decessi complessivi sono sette. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 70 (-2), 386 quelli negli altri reparti Covid (-18).

fascia 35-39

Oggi potranno prenotare la dose tutti i cittadini tra i 35 e i 39 anni. Lo potranno fare tramite farmacie, il numero 0592025333, il Fascicolo sanitario elettronico, Corner salute Coop, Cupweb, app ErSalute. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA