Contenuto riservato agli abbonati

Nel Modenese sono 111mila i “latitanti” della campagna vaccinale

Uno su quattro con più di 40 anni non ha prenotato la sua dose. Il dato peggiore nella fascia tra i 50 e i 54 anni: ha aderito solo il 49%

Modena. Per gli amanti della statistica sono precisamente 111.973 i modenesi con più di 40 anni che avrebbero potuto prenotare il vaccino e non lo hanno fatto. Si tratta del 25%, in pratica uno su quattro.

È quanto emerge dai dati diffusi dall’Ausl sulla campagna vaccinale aggiornati al 9 giugno. Abbiamo tenuto in considerazione solo gli over 40 (che in totale sono 438mila) perché si tratta delle fasce di età che da più tempo hanno la possibilità di prenotare e dunque possiamo analizzare i numeri in modo corretto rispetto ai 30enni che da poco possono prenotare.


Spulciando i dati colpisce immediatamente la grande differenza tra la popolazione anziana e quella compresa tra i 40 e i 60 anni. In pratica più si va avanti con l’età più ci si vaccina, probabilmente per una maggiore consapevolezza che il Covid può diventare molto grave con l’avanzare degli anni. E così si nota che dai 65 anni in su la percentuale di soggetti che è entrata nel ciclo vaccinale (dunque che ha già ricevuto dosi o che ha prenotato) è ben superiore all’80%, con picchi del 90%. Ad esempio gli ultraottantenni sono sopra il 90%, gli ultrasettantenni sopra l’80%.

Il dato inizia scendere in modo direttamente proporzionale con l’età. Tra i 60 e i 64 anni ha aderito alla campagna vaccinale il 79% della popolazione, un dato comunque da considerarsi positivo.

Già nei 50enni si denota una certa latitanza. Chi è compreso tra i 55 e i 59 anni si è vaccinato nel 76% dei casi. Eloquente la situazione della fascia che si trova all’ultimo posto di questa ideale classifica, quella tra i 50 e i 54 anni. Sono coloro che, tra molte polemiche, si sono dovuti rivolgere al proprio medico di Medicina generale. Un’anomalia organizzativa che deve aver influenzato in qualche modo l’adesione, visto che il dato si ferma al 49%. Soltanto uno su due ha prenotato, cioè 29mila su 58mila modenesi.

Basso anche il dato di chi ha tra i 40 e i 49 anni: sono tantissimi i cittadini in questo range di età, oltre 109mila. Ebbene solo 65mila sono entrati nel circuito vaccinale, con 42mila che non hanno ancora prenotato.

Il perché queste persone non abbiano prenotato non è dato sapere. Sarebbe una mera etichetta definirli “no vax” e siamo certi anche che si tratterebbe di una forzatura giornalistica. È probabile che ci siano persone semplicemente non interessate alla vaccinazione, poiché essendo relativamente giovani sono convinte di non correre rischi con il Covid. Oppure c’è chi preferisce attendere il periodo successivo alle vacanze per prenotare. O ancora soggetti che semplicemente ignorano la possibilità di potersi vaccinare. In ogni caso va ricordato – e sono le autorità sanitarie a sottolinearlo sempre – che anche i 40enni e i 50enni possono in alcuni casi sviluppare forme severe di Covid. E in ogni modo è importante l’apporto di tutti i cittadini per raggiungere l’immunità di gregge che si attesta attorno al 70/80% complessivo.