Contenuto riservato agli abbonati

Medolla Magic Baloons, quando l’estate diventa inclusiva

Per come è strutturato, per la fascia d’età dei ragazzi a cui si rivolge e per gli obiettivi di inclusione che si prefigge, il centro estivo promosso dall’associazione Magic Baloons di Medolla è unico nel suo genere sul territorio provinciale.

MEDOLLA L’idea è arrivata sei anni fa, per offrire a ragazzi con disabilità del territorio un’attività che li integrasse con i coetanei e con diversi contesti sociali durante il periodo estivo. Per come è strutturato, per la fascia d’età dei ragazzi a cui si rivolge e per gli obiettivi di inclusione che si prefigge, il centro estivo promosso dall’associazione Magic Baloons di Medolla è unico nel suo genere sul territorio provinciale.


«Siamo partiti anni fa con una decina di ragazzi dai 14 ai 23 anni con bisogni educativi speciali – spiegano gli educatori di Magic Baloons, associazione di promozione sociale nata con lo scopo di promuovere ed organizzare attività ludiche, ricreative e culturali rivolte a tutta la comunità e condotta da un gruppo di educatori che lavorano da diversi anni nell’appoggio scolastico – Insieme a loro, partecipano in modo volontario scout e compagni di classe per cercare di favorire l'inclusione che parte dal “fare insieme”. Negli anni le iscrizioni al nostro centro estivo sono sempre aumentate, e ad oggi abbiamo circa una trentina di ragazzi che partecipano almeno una settimana».


Magic Baloons è stata fondata nel 2016 dall’idea di sei soci educatori – Daniela Bergamini, Cinzia Buzzi, Emanuele Carra, Patrizia Carafoli, Emanuele Portioli, Sara Varini – impiegati nell’appoggio scolastico ormai da molti anni e quindi con i necessari requisiti di studio e di esperienza. L’associazione si avvale inoltre di altre figure professionali indispensabili per la gestione burocratica e amministrativa. «Ad oggi le nostre attività si concentrano solo nel periodo estivo. Siamo partiti da dove secondo noi il territorio aveva più bisogno: offrire ai ragazzi di quell’età “qualcosa” che permettesse loro di essere impegnati al termine della scuola in momenti di socialità, inclusione e di esperienze formative – spiegano i referenti – Abbiamo diversi progetti in mente per il futuro: ci piacerebbe offrire un servizio anche durante l’inverno e poter replicare il nostro modello in altri comuni del territorio per poter dare la possibilità a più ragazzi di partecipare».


Per l’estate 2021, il centro estivo si svolgerà a Medolla in piazza Donatori di Sangue; le attività sono iniziate lo scorso 7 giugno e finiranno il 30 luglio, tutte le mattine dal lunedì al venerdì per un totale di 25 iscrizioni di ragazzi, molti dei quali fanno tutto il periodo, solo alcuni qualche settimana. «Avendo vinto un bando lo scorso anno, siamo ufficialmente un centro estivo dell’Unione Comuni Modenesi Area Nord che ci ha messo a disposizione la struttura. Le nostre attività – proseguono gli educatori – hanno come obiettivi principali quello di potenziare le abilità dei ragazzi e la loro autonomia, sono di tipo laboratoriale e sono sempre condotte da esperti».


I laboratori proposti sono di tipo artistico-espressivo, teatro, Pet Therapy, cucina, musica, giocoleria, sport, serigrafia, animazione e coinvolgono tanti professionisti del territorio. Non mancano le giornate in piscina, al mare e qualche uscita sul territorio. «Per noi il lavoro di rete è fondamentale – precisano gli operatori – Collaboriamo con la Neuropsichiatria del distretto di Mirandola, gli scout del territorio e altre associazioni nella programmazione delle attività. Riteniamo importante interagire sul territorio, affinché tutti possano conoscere la nostra realtà per raggiungere sempre di più l’obiettivo dell’inclusione sociale. I genitori, poi, sono per noi i primi interlocutori della rete».


Il riscontro delle famiglie dei partecipanti è molto positivo per il contesto in cui i ragazzi possono finalmente ritrovare amici e libertà di gioco con educatori qualificati e competenti. La maggior parte degli utenti proviene dai Comuni dell’Area Nord ma ovviamente il centro è aperto anche a ragazzi provenienti da altri comuni. In particolare, durante i mesi estivi, il ritrovo della dimensione sociale per la fasce più vulnerabili della popolazione, particolarmente provate dai mesi di restrizioni che abbiamo vissuto, è fondamentale. «Il riscontro positivo e la grande partecipazione durante questi anni hanno sicuramente aumentato in noi l’entusiasmo nel riproporre ogni anno il nostro centro estivo – concludono gli educatori – Ringraziamo di cuore l’Unione Comuni Modenesi Area Nord per il contributo all’abbattimento della retta a carico delle famiglie, i finanziatori privati (Lions, Livanova e Fondazione Lang Europe) e tutti coloro che ci sostengono». Per informazioni: apsmagicbaloons@gmail.com - pagina facebook “Magic Baloons”. —
<SC1038,169> RIPRODUZIONE RISERVATA