Contenuto riservato agli abbonati

Emilia Romagna. Percorso casa-scuola, autobus e treni gratuiti anche per gli studenti degli istituti superiori

La Regione estende la misura di sostegno oggi riservata agli under 14 Esenzione da settembre per le famiglie con Isee fino a 30mila euro 

l’iniziativa

Bus e treni gratuiti per andare a scuola anche per gli studenti delle scuole superiori. Se nel 2020 la Regione Emilia Romagna aveva attivato la misura di sostegno per il trasporto scolastico per tutti gli under 14 che frequentano le scuole elementari e le medie, da settembre prossimo a beneficiare della possibilità di andare a scuola gratis in autobus o con i treni regionali saranno tutti gli alunni delle secondarie di secondo grado fino a 19 anni. Novità illustrate ieri dall’assessore regionale alla Mobilità Andrea Corsini: accanto alla conferma per l’anno scolastico 2021-2022 dell’abbonamento gratuito ai ragazzi che frequentano le primarie e secondarie di primo grado, sempre residenti in regione, si aggiunge dunque da settembre 2021 anche l’iniziativa di gratuità del trasporto pubblico per gli emiliano-romagnoli under 19 iscritti alle superiori. Una misura che, se nella prima fase ha riguardato una platea di 147mila studenti under 14, si rivolgerà ora anche a circa 75mila ragazzi delle scuole superiori, grazie alle risorse stanziate dal bilancio regionale che dai 4 milioni di euro dello scorso anno scolastico arrivano a 22 milioni per il prossimo.


A partire da settembre, quindi, e per tutto l’anno scolastico 2021-2022, potranno viaggiare senza dover pagare con gli autobus e i treni lungo i percorsi casa-scuola e nel tempo libero - per la tratta coperta dall’abbonamento - gli studenti residenti in Emilia Romagna under 14, nati tra il 2008 e il 2015, e gli alunni iscritti alle scuole secondarie di secondo grado nati prima dell’anno 2008, ma con un’attestazione Isee del nucleo familiare uguale o inferiore a 30mila euro. «In un anno - afferma l’assessore Corsini - arriviamo a centrare quasi in pieno un obiettivo che ci eravamo dati nell’arco del mandato, e quindi al 2025. Nel giugno 2020, infatti, come giunta presentammo in Assemblea legislativa il programma dei cinque anni di legislatura, che comprende la gratuità del trasporto pubblico per i giovani fino a 19 anni per il tragitto casa-scuola. Le risorse straordinarie destinate alla gestione della crisi pandemica e dell’emergenza sanitaria - incalza Corsini - così come gli oltre 23 milioni di euro destinati al potenziamento dello stesso trasporto pubblico locale per garantire condizioni di sicurezza, avrebbero potuto spingerci a rinviare di un anno, invece abbiamo voluto subito dare un segnale concreto di aiuto alle famiglie, con un risparmio minimo annuo di 200 euro e fino a 600 euro, proprio in un periodo così difficile, e accelerare lungo la strada della mobilità sostenibile, estendendo la misura».

L’assessore alla Mobilità spiega dunque che «in due aperture di anno scolastico racchiuse nell’arco di dodici mesi arriviamo a garantire bus e treni gratuiti a 220mila studentesse e studenti dell’Emilia Romagna: è un’operazione senza precedenti, che nel tempo che abbiamo davanti allargheremo ulteriormente, valutando di andare oltre il parametro dell’Isee, così come abbiamo scritto sempre nel programma di mandato. Vogliamo convincere i cittadini, a partire dai più giovani, a preferire il mezzo pubblico per gli spostamenti quotidiani, con indubbi benefici per l’ambiente e la qualità dell’aria, e lo faremo sempre di più». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA