Il ministro Speranza a Modena e Carpi: "Via le mascherine? Prudenza, aspettiamo il Cts"

"Aspettiamo l'esito della riunione del Cts di oggi, c'è una situazione epidemiologica nel nostri Paese che mostra numeri molto incoraggianti rispetto alle ultime settimane, significa che a strada è quella giusta e che dobbiamo continuare così" Continua ad essere cauto il ministro della Sanitràè a Modena in visita al centro vaccinale di via Minutara

MODENA. "Aspettiamo l'esito della riunione del Cts di oggi, c'è una situazione epidemiologica nel nostri Paese che mostra numeri molto incoraggianti rispetto alle ultime settimane, significa che a strada è quella giusta e che dobbiamo continuare così. Se i numeri sono calati così tanto è soprattutto grazie a questa campagna straordinaria di vaccinazione che è voglio ribadirlo è la vera strada per aprire una stagione diversa nel nostro Paese. Dobbiamo continuare a insistere, ad avere prudenza, continuare sulla strada della gradualità ma i risultati si vedono". Così il ministro della salute Roberto Speranza in vista all'hub vaccinale di Modena, in via Minutara, nel giorno in cui gran parte dell'Italia segna il ritorno in zona bianca.

Quindi basta con le mascherine all'aperto dall'1 luglio?

"Aspettiamo l'esito della riunione del Cts di oggi. C'è una situazione epidemiologica nel nostro paese che presenta dei numero molto incoraggianti rispetto alle ultime settimane. Significa che la strada è quella giusta e dobbiamo continuare così. E se i numeri sono calati così tanto è prima di tutto grazie a questa campagna straordinaria di vaccinazione che voglio ribadirlo è la vera strada per aprire una stagione diversa nel nostro Paese". ha detto  il ministro della Salute, Roberto Speranza, arrivando oggi all'hub vaccinale di Modena in strada Minutara, all'ex Aeronautica, con autorità e istituzioni locali.

Aggiunge Speranza sulle possibili nuove regole meno restrittive in arrivo: "Dobbiamo insistere, continuare ad avere prudenza, continuare sulla strada della gradualità. I risultati osserva il ministro- si vedono e sono molto incoraggianti. Fino a poche settimane fa avevamo quasi 4.000 persone in terapia intensiva, ora questo numero si è ridotto di circa il 90%. Eravamo a quasi 30.000 ricoveri, ora siamo a circa 2.500. Sono numeri- confida Speranza- che parlano da soli, dobbiamo insistere, mantenere i piedi per terra. Un po' alla volta ci sono le condizioni per affrontare con maggiore fiducia le prossime settimane".

Insieme al presidente della Regione, Stefano Bonaccini, e all’assessore alle Politiche per la salute, Raffaele Donini la visita del Ministro in regione è iniziata dall’Hub vaccinale dell’ex Aeronautica di Modena (Strada Minutara, 1) dove è stato accolto dalle autorità presenti e ha potuto ripercorrere l’itinerario rivolto ai cittadini modenesi che si devono vaccinare. Prima nell’hangar destinato all’accettazione e attesa, poi in quello dedicato alla somministrazione del vaccino e all’osservazione post-vaccinale. Sono 1760 oggi, solo su Modena, coloro che hanno effettuato la prenotazione e che saranno vaccinati dalle 8 di questa mattina e fino alle 24.

Il grande impegno dell’Azienda sanitaria nella gestione delle prenotazioni e nella distribuzione dei punti vaccinali in maniera diffusa sull’intero territorio, vicino ai cittadini, ha consentito di mantenere alta la media delle ultime settimane che, anche grazie all’avvio dell’attività presso gli hub delle aziende private e presso i Medici di medicina generale, è di oltre 7200 vaccini giornalieri su un target previsto di 6887. Solo pochi giorni fa, inoltre, il 9 giugno, il punto vaccinale di Modena ha raggiunto da solo le 100mila inoculazioni. Si tratta di un quinto delle somministrazioni totali: è infatti di giovedì 17 giugno la notizia del raggiungimento della cifra tonda di mezzo milione di dosi somministrate a livello provinciale.

Il Ministro ha salutato cittadini e operatori, ringraziandoli per l’enorme sforzo di questi mesi, non solo nell’attività di somministrazione delle dosi ma, ancor prima, nei tamponi, e nell’assistenza alle persone ammalate di covid-19.

Erano presenti ad accogliere il Ministro: il direttore generale Ausl, Antonio Brambilla; il presidente della Provincia Gian Domenico Tomei; il sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli; la prefetta Alessandra Camporota; il questore Maurizio Agricola; per l’Accademia Militare di Modena, il Generale di Brigata Rodolfo Sganga e il Colonnello Alessandro Fabretti e, in rappresentanza dell’Arcidiocesi di Modena, don Gabriele Semprebon. Erano inoltre presenti il direttore dell’Azienda Ospedaliero Universitaria di Modena Claudio Vagnini; il presidente dell’Ordine dei medici di Modena Carlo Curatola, la presidente dell’Ordine delle professioni infermieristiche Carmela Giudice e quello dell’Ordine dei TSRM e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione, Massimiliano Contesini; il presidente del Comitato consultivo misto di Modena Loris Piccinini, in rappresentanza del volontariato cittadino. Insieme a loro sono intervenuti anche tutti i rappresentanti delle Forze dell’ordine.

Dopo una sosta con la stampa, il Ministro Speranza si è diretto verso Carpi per la seconda e ultima tappa della sua visita in provincia di Modena.