Modena, la strettoia-killer colpisce ancora due furgoni

Tra via Stradella e strada Cadiane un nuovo scontro: i residenti da tempo chiedono i dossi per diminuire la velocità

Nella strettoia “killer” le auto si tornano a colpire. L’incrocio tra via Stradella e strada Cadiane si conferma ad alta percentuale di incidenti. L’ultimo sinistro in ordine di tempo si è verificato nella mattinata di ieri, coinvolgendo due piccoli furgoni di colore bianco. Uno dei due si è ribaltato dopo l’impatto, l’altro si è sventrato nella parte anteriore. Erano circa le 11 di ieri quando entrambi stavano percorrendo il tratto a sud di Modena, spesso adoperato come un doppio bypass. Via Stradella è infatti un percorso secondario che congiunge via Martiniana alla strada Contrada senza passare per le più trafficate via Giardini e la strada Bellaria, confluente nella statale 12. A sua volta, la trasversale strada Cadiane si snoda in parallelo all’autostrada da via Giardini a Santa Maria Mugnano. I due tratti sono a doppio senso, ma spesso due veicoli procedenti in verso opposto fanno fatica a passare in contemporanea. All’altezza dell’incrocio tra via Stradella e strada Cadiane i residenti sono scossi da un nuovo impatto. Si affacciano e osservano: c'è un veicolo che arresta la propria corsa dopo lo scontro in strada Cadiane, direzione via Giardini. L’altra vettura si ribalta in via Stradella, procedendo a nord verso villa Igea. I segni dell’impatto sono evidenti. La vettura incidentata in strada Cadiane presenta il musetto sventrato nella parte destra e un’ammaccatura sul cofano anteriore. Il furgone su via Stradella è ribaltato sul lato sinistro, lasciando penzolare il paraurti posteriore, danneggiato e staccatosi sulla parte destra. Sul posto arriva un’ambulanza, si attivano i soccorsi. La dinamica dell’incidente resta in corso di accertamento. Non è un mistero che la zona sia stata oggetto di numerosi scontri. I limiti di velocità non sempre sono rispettati. A poca distanza dalla vettura ruotata di novanta gradi sul proprio asse si legge sull’asfalto il limite dei 50 orari, ben evidente anche nell’altro lato di via Stradella, dopo l’incrocio. Da tempo i residenti domandano interventi quali i dossi per far diminuire la velocità. —

G.F.


© RIPRODUZIONE RISERVATA