Contenuto riservato agli abbonati

Modena. Il progetto Masa: nuove tecnologie Tim al servizio delle auto anche grazie al 5G

MODENA Nell’automotive c’è anche Tim. La compagnia telefonica aderisce al progetto Masa – Modena Automotive Smart Area, il laboratorio “a cielo aperto” per la sperimentazione e la certificazione delle nuove tecnologie nell’industria automobilistica, nato dalla partnership fra Comune di Modena e Università di Modena e Reggio Emilia (Unimore). La collaborazione, annunciata in occasione del Motor Valley Festival, consentirà di testare soluzioni e servizi di guida autonoma e connessa sempre più evoluti, con l’obiettivo di sviluppare l’infrastruttura di comunicazione che sarà alla base dei nuovi servizi di mobilità. In particolare, Tim metterà a disposizione soluzioni innovative abilitate dalle sue reti radiomobili 4G e 5G, oltre che dalle tecnologie di Edge Computing, che assicurano migliori prestazioni in termini di larga banda e bassa latenza, per le applicazioni nel settore automobilistico legate alla gestione della mobilità e del traffico. Sensori e camere connesse potranno in questo modo avvisare i guidatori di situazioni di pericolo o rischio, anticipare la presenza di ciclisti o pedoni e limitare gli incidenti, migliorando così la sicurezza e l'infomobilità.

«Siamo particolarmente orgogliosi di dar vita a questa importante collaborazione che ci permetterà di sviluppare insieme i nuovi scenari digitali del settore dell’Automotive - ha commentato Alessandra Michelini, Head of Sales Manufacturing Industry di Tim - Attraverso questa iniziativa metteremo a disposizione le nostre infrastrutture e più avanzate tecnologie per lo sviluppo di nuove soluzioni di smart mobility, al servizio delle città e delle aziende, proponendoci come partner di riferimento per le Pubbliche Amministrazioni e le imprese».


«La collaborazione con Tim ci permetterà di raggiungere i target di banda e di latenza delle applicazioni innovative sviluppate internamente al nostro Ateneo, quali il controllo da remoto di veicoli e l’identificazione di ostacoli in tempo reale attraverso le telecamere cittadine», spiega il professore Marko Bertogna, direttore di HiPeRT Lab del Dipartimento Fim di Unimore.

«La collaborazione con un importante operatore telefonico come Tim, è strategica ed è un passo importante del percorso che Modena ha intrapreso da anni per l’evoluzione del settore automotive», dice Ludovica Carla Ferrari, assessora del Comune di Modena. —