Contenuto riservato agli abbonati

Modena, il grave incidente al parco Novi Sad: «La Ferrari al fianco del meccanico»

Il 45enne, colpito da una Formula 1, ha perso il piede destro. L’azienda: «Lo sosterremo in questa fase e in futuro»

MODENA. La Ferrari «si è naturalmente subito attivata per garantire al collega e alla sua famiglia tutto il sostegno necessario sotto ogni punto di vista sia in questa fase che in futuro».

Modena, meccanico investito da F1: il video dell'incidente al Novi Sad

Recita così la nota del Cavallino arrivata dopo il grave incidente che ha coinvolto uno dei suoi meccanici. Il 45enne, G.V. le sue iniziali, ha subìto l’amputazione del piede destro dopo essere stato colpito da una monoposto di Formula 1. La Ferrari ha scelto di rompere il comprensibile silenzio che aveva tenuto nei momenti successivi all’incidente di sabato pomeriggio durante uno degli appuntamenti, forse il più atteso, dell’intero Motor Valley Fest 2021, confermando tutto quanto scritto ieri.



Purtroppo un grave infortunio che l’azienda di Maranello descrive così nella nota ufficiale inviata, nel pomeriggio di ieri, agli organi di informazione: «Nella giornata del 3 luglio, durante l’esibizione della Formula 1 in programma al Motor Valley Fest sul circuito cittadino del parco Novi Sad, si è verificato un incidente che ha coinvolto un nostro tecnico, che è rimasto gravemente ferito. Immediatamente soccorso – scrivono ancora dalla Ferrari – è stato trasportato all’ospedale di Baggiovara, dove è stato sottoposto a intervento chirurgico durante il quale si è resa necessaria l’amputazione di un piede».



Il meccanico Ferrari, come spiegato direttamente dall’azienda maranellese, è stato operato a Baggiovara poche ore dopo l’incidente avvenuto durante l’esibizione mattutina. Questa resta l’ultima indicazione sulla sua condizione. L’ultima e anche l’unica in quanto al Cavallino si fanno portatori di una espressa della famiglia del 45enne: «Non verranno forniti ulteriori aggiornamenti».



Secondo fonti ufficiali la prognosi era stata stimata in 40 giorni. Una comunicazione arrivata proprio nei momenti post-infortunio. Se dovessero essere confermati, i 40 giorni, scatterà d’ufficio anche un’inchiesta su quanto accaduto in quei tragici momenti all’interno del parco Novi Sad. Una prassi, questa, prevista esplicitamente dalla legge.



Era, infatti, quasi l’una di pomeriggio quando una delle due monoposto da Formula 1 stava rientrando verso il paddock dopo alcuni giri dimostrativi. L’ulima tornata prima della pausa pranzo. Per motivi ancora in corso di accertamento, la vettura di Formula 1, guidata da un pilota esperto, ha improvvisamente perso il controllo ed è andata a colpire il tecnico della Ferrari che si trovava all’interno del tracciato cittadino ideato appositamente per il Modena Valley Fest. Inutile il tentativo dello stesso meccanico di evitare l’impatto saltando all’arrivo della monoposto che viaggiava ad una velocità ridotta. L’impatto con l’alettone anteriore è stato inevitabile.

Immediati i soccorsi, sul posto due ambulanze della Croce Rossa che erano presenti all’interno del parco. Dopo le prime cure sul posto, lo sfortunato dipendete è stato trasportato in fretta all’ospedale di Baggiovara. Lì la già citata operazione che si è svolta durante il pomeriggio.

I primi ad arrivare in supporto al 45enne sono stati proprio i colleghi di lavoro che erano impegnati a preparare il pit-stop dimostrativo in programma per il pomeriggio. Evento, questo, che poi non si è tenuto anche per rispetto del meccanico rimasto gravemente ferito solamente poche ore prima. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA