Contenuto riservato agli abbonati

Bomporto«Scusi, mi indica la strada...»E i ladri di borse colpiscono

 Terzo raggiro in settimana Stavolta la coppia ha derubato un automobilista nel parcheggio di un supermercato «Sono sceso dalla mia vettura e mi hanno aperto lo sportello»

BOMPORTO. Terzo colpo in pochi giorni per la coppia che si sta specializzando nei raggiri agli automobilisti gentili. Dopo gli episodi di Modena e Castelnuovo, l’altro giorno è toccato ad un uomo di Bomporto. «Eravamo appena uscito dal Sigma – spiega la moglie – lui è salito in auto con la borsa della spesa e il suo borsello mentre io mi sono recata nel supermercato accanto per qualche altro acquisto».

Probabilmente la vittima è stata seguita, fatto sta che appena si è messa al posto di guida e ha acceso la vettura gli si è accostata un’altra auto scusa. «Al volante c’era un uomo con la mascherina che gli ha fatto segno con il dito di volergli chiedere un’informazione».


Il marito ha spento il motore, ha messo in tasca le chiavi, è sceso dalla sua macchina e si è portato nei pressi del baule per dare udienza all’altro automobilista. «Ha chiesto informazioni per raggiungere un altro centro commerciale perché al Naviglio non aveva trovato ciò che cercava», spiega la donna nel ricostruire la scusa con cui i truffatori hanno distratto la vittima. E mentre lui cortesemente dava indicazioni, un complice si è avvicinato allo sportello del passeggero, l’ha aperto e si è impossessato del borsello dell’uomo, dileguandosi in fretta.

«Si è accorto di quanto accaduto poco dopo, appena è tornato a sedere, ma ormai intorno non c’era più nessuno. In compenso si è fatto venire uno scrupolo e ha annotato alcune informazioni forse interessanti che ha dato ai carabinieri, i quali ora stanno facendo le indagini».

Ieri la coppia sarebbe dovuta partire per le ferie, ma ha dovuto rinviare. L’intera mattinata è invece stata dedicata alla burocrazia: al rifare i documenti contenuti nel portafogli e che non sono ancora stati ritrovati e al prendere informazioni in banca per scongiurare qualche prelievo effettuato dai truffatori.

Nel frattempo sono scattate le indagini dell’Arma che non potranno prescindere dall’analisi dei filmati della videosorveglienza presente nella zona. Perché la banda sta prepotentemente diventando un problema per la sicurezza. —

F.D.

© RIPRODUZIONE RISERVATA