Contenuto riservato agli abbonati

Vaciglio, comparto pronto entro fine anno. A settembre i primi contratti d'affitto

Terminata la costruzione di due palazzine, altre tre sono a buon punto: via all’assegnazione degli 80 alloggi in affitto

MODENA. Sarà che fino a qualche mese fa lì in mezzo non c’era nulla, a parte un’unica casa che si godeva la sua solitudine. Oggi le cose sono un po’ diverse, come è facile notare quando si arriva alla rotatoria tra la Nuova Estense e via Morane. Perché settimana dopo settimana, il più contestato progetto urbanistico degli ultimi anni - almeno dai tempi della piscina al parco Ferrari... - sta prendendo forma, e lo skyline di Vaciglio è ormai dominato dalle prime palazzine del comparto che a regime conterà 27 edifici.

HOUSING SOCIALE. Ma ad avvicinarsi alla conclusione è il primo stralcio dei lavori, ovvero le cinque palazzine realizzate per l’housing sociale. Di conseguenza, gli 80 alloggi destinati all’affitto agevolato saranno presto assegnati: le graduatorie definitive sono state pubblicate sul sito web www.parcoestense.it, dove sarà operativa la piattaforma per consultare le soluzioni abitative disponibili con aggiornamento in tempo reale sullo stato delle assegnazioni.

LE ASSEGNAZIONI. L’iter per le assegnazioni prevede dunque le assemblee - che si terranno nei prossimi giorni - nelle quali sarà illustrato il progetto architettonico e sociale del comparto, mentre i soggetti potranno effettuare la scelta dell’appartamento in ordine alla propria posizione in graduatoria, per poi procedere alla stipula dei contratti di locazione entro il mese di settembre. Le palazzine, realizzate dalla società Modena Estense di Carpi, una volta completate saranno acquisite dal Fondo Emilia-Romagna social housing, gestito da Investire sgr, fondo partecipato dalla Fondazione di Modena e dal Fondo Investimenti per l’Abitare.

ALTRI TRE EDIFICI. Tornando al comparto, al momento sono quasi ultimate le prime due palazzine, mentre sono in corso di completamento le altre tre: le cinque palazzine destinate al social housing saranno quindi pronte entro fine anno, comprese le urbanizzazioni. Il nuovo quartiere residenziale, composto anche da edilizia convenzionata in vendita (per le prime due palazzine sono già state validate le graduatorie) e da edilizia libera, vedrà oltre alla predisposizione di verde pubblico e percorsi ciclopedonali anche la realizzazione di un collegamento stradale tra via Morane e via Vaciglio, per il quale sono in corso gli interventi relativi alle due rotatorie di accesso. Dei 124 appartamenti che compongono le cinque palazzine destinate all’housing sociale, oltre agli 80 assegnati tramite avviso pubblico, 23 saranno gestiti in affitto dal Comune di Modena attraverso l’Agenzia Casa (12) e tramite co-progettazione con soggetti del terzo settore (11), e 21 saranno gestiti dal soggetto attuatore. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA