Neos vuole crescere in fretta e nel 2021 raddoppia il fatturato

L’azienda di Fiorano balza quest’anno a 10 milioni con l’assunzione di altri quaranta lavoratori

Giovanni Medici

Nel 2021 il giro d’affari di Neos, impresa fioranese operante nel settore della stampa digitale a servizio dell’industria, raddoppierà: i 4,8 milioni fatturati nel 2020 diventeranno 10, con una crescita del personale di 40 unità. Un’idea imprenditoriale di successo quella dell’azienda fondata vent’anni fa dall’ingegnere Vincenzo Palumbo, ora affiancato dal manager Andrea Malagoli. «Nei nostri piani – anticipa quest’ultimo – c’è il raddoppio del numero dei dipendenti entro il 2022 e una crescita del nostro fatturato a due cifre anno su anno. Siamo una piattaforma industriale pronta per soddisfare vari settori, vogliamo crescere e diventare il punto di riferimento mondiale per la stampa digitale». Vincenzo Palumbo, già fondatore di Projecta Engineering, viene definito colui che ha rivoluzionato la decorazione delle piastrelle ceramiche con l’introduzione della stampa digitale, diventata ora uno standard nel settore. Andrea Malagoli è invece noto soprattutto nel mondo delle macchine per packaging, tuttora socio del colosso Ima, già vicepresidente dell’associazione nazionale Ucima. Mentre Palumbo si occupa dello sviluppo tecnologico e produttivo di Neos Malagoli gestisce la parte finanziaria e commerciale, con forte attenzione ai mercati internazionali. Neos ha un robusto know-how tecnico maturato nell’industria ceramica, che consente ora all’azienda di fornire a imprese di diversi settori la giusta soluzione alle più diverse e complesse esigenze di stampa, adattandosi a un grandissimo numero di supporti materiali: packaging flessibile, metallo, plastica, legno, carta e cartone, etichette. «La stampa digitale consente un’enorme implementazione delle potenzialità grafiche – aggiunge Palumbo - ed è estremamente flessibile, garantendo efficienza produttiva anche per lotti medio-piccoli. È, inoltre, una tecnologia che presenta costi contenuti rispetto ad altre lavorazioni del processo e al costo generale del prodotto, pur garantendo un elevato valore aggiunto sul fronte estetico e quindi commerciale». La stampa digitale necessita poi del 30% in meno di materiali consumabili e soprattutto non ha bisogno di impianti essendo una tecnologia digitale 4.0, che si basa su software e non su supporti fisici. Tutela l’ambiente infine grazie all’utilizzo di inchiostri a base d’acqua. Quali le mosse di Neos per il prossimo futuro? «Vogliamo accompagnare il salto tecnologico verso la stampa digitale – conclude Palumbo – diventando partner industriale in grado di fornire una soluzione a 360 gradi, cioè tutto il processo di trattamento delle superfici: siamo in grado di fornire direttamente anche gli inchiostri». Nel mirino dell’azienda fioranese ci sono Europa, Stati Uniti ed Estremo Oriente. —