Contenuto riservato agli abbonati

Effetto green pass: a Modena 70% di prenotati in più 

Nell’ultima settimana boom di telefonate e appuntamenti on line: quasi diecimila richieste. Donini: «Scelta responsabile»

La parola magica è stata green pass. E subito le prenotazioni dei vaccini si sono moltiplicate. Soprattutto a Modena, che tra le province era sempre segnalata come una delle più scettiche. Così l’effetto è stato a cascata, più indecisi c’erano, più prenotazioni dell’ultima ora si sono materializzate.

In provincia nell’ultima settimana c’è stato un aumento del 70 per cento nelle richieste: dal 12 al 15 luglio c’erano state 5.656 richieste, mentre negli stessi giorni della settimana successiva, fino al 22, ne sono arrivate 9.608.


In generale, in poco più di quattro giorni, da lunedì scorso alla mattina di oggi, infatti, sono state oltre 77mila le nuove prenotazioni ricevute dalle Aziende sanitarie: 5.873 nel territorio della Asl di Piacenza, 6.875 a Parma, 6.537 a Reggio Emilia, 9.608 a Modena, 17.583 a Bologna, 1.753 a Imola, 3.746 a Ferrara e 25.969 nei territori dell’Asl Romagna.

La domanda che tutti si fanno, ora è questa: i vaccini ci sono? Sì, dice l’Ausl, due giorni fa l’arrivo di 24mila dosi di Pfizer. A ruota un altro interrogativo: ma si trova posto per vaccinarsi prima possibile? Sì. È bastato fare una simulazione ieri per rendersene conto: per chi vuole e può scegliere Johnson & Johnson appuntamento praticamente immediato, il giorno successivo. Per chi sceglie Pfizer l’attesa è poco più lunga: tante possibilità, per dire, ci sono già la prossima settimana.

In regione un totale quindi di 77.944 prenotazioni in poco più di quattro giorni: di queste, in particolare, 14.499 sono arrivate dalla fascia di età 12-19 e 4.745 dai 60-69enni, due fasce di età per cui le Asl hanno lanciato o stanno per lanciare iniziative ad hoc, come la vaccinazione sui camper nei mercati o in spiaggia.

«Qualunque sia il motivo, per noi ogni prenotazione in più è una buona notizia- afferma l’assessore alle Politiche per la salute, Raffaele Donini - Sicuramente ha influito la notizia del green pass e delle limitazioni che saranno imposte a chi non lo ha a disposizione, ma io voglio credere ci sia stata anche una risposta di responsabilità da parte di tanti emiliano-romagnoli- continua l’assessore- che in questi giorni hanno visto purtroppo aumentare i contagi. E non bisogna sottovalutare le campagne di sensibilizzazione delle aziende sanitarie».

«Il nostro sistema vaccinale è rodato ed è assolutamente in grado di gestire questa quantità di richieste nei tempi opportuni, - conclude Donini- dopo aver superato i 2 milioni di immunizzati proseguiamo verso il nostro unico obiettivo che è il raggiungimento della protezione di comunità che si raggiunge con la soglia del 70% di vaccinati». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA