Contenuto riservato agli abbonati

Serramazzoni. Bimba di sette anni si schianta con la bici contro una recinzione

Incidente durante i giri di prova della gara per le vie del paese Portata al Maggiore in elicottero per grave trauma cranico

SERRAMAZZONI. Ha preso paura della discesa e non è riuscita più a governare la bici, finendo per schiantarsi dritta contro una recinzione.

Incidente drammatico ieri pomeriggio a Serra per una bimba di sette anni che stava prendendo parte al tradizionale appuntamento estivo dedicato in paese alle nuove promesse del ciclismo: il Gran Premio Ceramiche Serra Memorial Luigi Mirotti. L’evento è dedicato a bambini e bambine dai 7 ai 12 anni, che corrono su un circuito cittadino ad anello tra via Roma, piazza Tasso e viale Belvedere, un tracciato preparato sempre con grande cura dagli organizzatori.


L’incidente è avvenuto nella parte finale del viale, che incrocia via Roma al termine di una discesa abbastanza lunga, prevedendo nel caso del circuito una curva a sinistra molto pronunciata. Tutto è successo non durante la gara, è bene precisarlo, ma nei giri di prova. Erano appena passate le 15: una bimba di sette anni di Calderara di Reno, nel bolognese, ha effettuato un giro da sola, senza l’accompagnamento del suo allenatore. Ha percorso tranquillamente tutto viale Belvedere nel tratto pianeggiante, poi è arrivata alla lunga discesa e nell’affrontare l’ultimo tratto con la curva in fondo ha presumibilmente preso paura paralizzandosi: testimonia in questo senso il fatto che non ha nemmeno iniziato a girare a sinistra ma è andata dritta, addirittura un po’ verso destra. Una traiettoria imprevedibile, tanto che non sono bastate le protezioni e la piccola è finita contro la ringhiera di una recinzione dietro, ferendosi in modo grave: nonostante avesse regolarmente il casco, ha riportato un forte trauma cranico, con diversi tagli alla testa.

Sono scattati subito i soccorsi da parte dei volontari dell’Avap di Serra, che hanno avuto anche il supporto di un infermiere del Pronto Soccorso di Pavullo che si trovava lì in quel momento. La bimba è stata stabilizzata e portata in ambulanza nella piazzola di atterraggio della Fondaccia, da dove l’elicottero 118 di Pavullo l’ha poi portata al Maggiore di Bologna.

Sul posto gli agenti della Polizia locale per tutti gli accertamenti di competenza sulla dinamica del sinistro stradale. Passato lo spavento generale, la gara si è poi svolta regolarmente senza nessun tipo di problema. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA