Contenuto riservato agli abbonati

Maltempo a Novi: tre feriti. Albero cade su furgone: due operai sono gravi

Il disastro a Novi: due delle persone coinvolte sono gravi. Pesanti conseguenze in varie zone della provincia, dalla Bassa alla Pedemontana

NOVI. Due feriti gravi, tra i quali un 38enne in Rianimazione a Baggiovara, un terzo in condizioni meno serie e danni a non finire in un territorio in cui le ondate di maltempo non mancano di certo.

Novi. Albero cade su un furgone, due feriti



Questo l’amaro bilancio di un pomeriggio in cui vento, grandine e pioggia hanno spazzato via alberi, pali e fatto crollare il tetto di un negozio. I danni più gravi si sono registrati Novi e a Concordia, ma anche Carpi, Fiorano, Spezzano, Castelnuovo, Maranello e Castelfranco sono stati colpiti. L’inferno di grandine e vento è iniziato ieri pomeriggio alle 15.



Tre le persone ferite a Novi, di cui due gravi: si tratta di operai di una ditta mantovana che erano all’interno di un furgone Iveco daily su cui di è abbattuto un grosso albero sulla Provinciale che collega a Moglia. Sono stati portati via in ospedale in elicottero. I vigili del fuoco li hanno estratti dalle lamiere. Il terzo ferito, sempre a Novi, è una persona colpita dal crollo di un frammento di un tetto in un negozio. I due feriti più gravi sono stati portati in elicottero a Baggiovara e al Maggiore di Bologna. Sul posto sono intervenute più squadre e mezzi dei vigili del fuoco, la Polizia locale delle Terre d’Argine, i carabinieri e cinque mezzi del 118.

Le chiamate ai vigili del fuoco per alberi divelti e coperture danneggiate si sono moltiplicate. Gli operatori del servizio provinciale “Viabilità” e ditte incaricate sono scesi in campo per liberare la strade provinciali; oltre alla provinciale 413 sono state chiuse la provinciale 7 di Concordia vicino al centro abitato e gli operatori hanno lavorato anche sulla diramazione di Vallata sempre per la caduta di pali della luce.

Dopo i sopralluoghi, a Novi sono stati chiusi i parchi, a causa dei danni riportati.

Nei prossimi giorni si provvederà a proseguire i lavori di ripristino della sicurezza sono solo nei parchi ma anche nelle aree verdi di pertinenza dei nidi e dei centri estivi. La viabilità sul primo tratto di via Volta, sempre a Novi, nell’incrocio con la Provinciale per Mantova è chiusa, per caduta di materiale di copertura. La Festa della Birra al Parco della Resistenza, ieri sera, è stata sospesa.

Un primo monitoraggio dopo il temporale evidenzia i gravi danni all’agricoltura. Nella zona di Spilamberto, riferisce Coldiretti, sono state compromesse soprattutto le reti antigrandine degli impianti frutticoli che, dove presenti, hanno protetto la produzione, ma hanno subito grossi danni fino talvolta ad essere divelte. In questo momento gli agricoltori sono impegnati a liberarle dal peso della grandine per ripristinarle in attesa della seconda annunciata ondata di maltempo. Dove non sono presenti le reti, ad essere colpiti sono stati la frutta (susine), nel pieno della raccolta, e i vigneti. «Infine – informa Coldiretti Modena – si registrano danni da grandine su vigneti nella zona di Maranello, Spezzano, Fiorano. Siamo di fronte in Italia alle conseguenze dei cambiamenti climatici con una tendenza alla tropicalizzazione e il moltiplicarsi di eventi estremi con una più elevata frequenza. L’effetto dei cambiamenti climatici con l’alternarsi di siccità e alluvioni non impatta solo sul turismo ma ha fatto perdere – conclude la Coldiretti – oltre 14 miliardi di euro in un decennio, tra cali della produzione agricola nazionale e danni alle strutture e alle infrastrutture nelle campagne con allagamenti, frane e smottamenti». —