Contenuto riservato agli abbonati

Serramazzoni. Bimbo di 4 anni finisce incastrato col piede nella bici

L'incidente sabato 14 agosto nel cortile di un’abitazione in via dei Ciclamini. Il piccolo stava girando tranquillo quando, da capire se in seguito a una caduta o meno, la gamba sinistra gli è finita incastrata in fondo alla bici tra le due estremità del telaio, lì dove sono imbullonati i pedali.

Serramazzoni. Lo sa solo lui come ha fatto, di certo è finito per mettersi davvero in un bel pasticcio. Un bimbo di quattro anni è rimasto incastrato ieri mattina con un piede nella bicicletta, senza riuscire più in nessun modo a liberarsi: immaginarsi lo spavento.

È successo verso le 10.30 a Selva, nel cortile di un’abitazione in via dei Ciclamini. Il piccolo stava girando tranquillo quando, da capire se in seguito a una caduta o meno, la gamba sinistra gli è finita incastrata in fondo alla bici tra le due estremità del telaio, lì dove sono imbullonati i pedali. La mamma ha provato e riprovato a liberarlo, ma rifare all’indietro il movimento è risultato impossibile.

Da qui l’allarme, che ha portato sul posto i volontari dell’Avap di Serra e i vigili del fuoco di Pavullo. Un bello sconquasso per il piccolo, che rischiava di spaventarsi parecchio. Più che provvidenziali si sono dimostrati subito i peluche anti-paura consegnati giusto mercoledì e venerdì dai ragazzi del Team Enjoy alle ambulanze dell’Appennino e alle forze dell’ordine, tra cui i vigili del fuoco

Al bimbo nell’emergenza sono stati dati due pupazzotti: uno da parte dell’Avap e uno da parte dei pompieri. Così si è messo tranquillo e loro, utilizzando il divaricatore, sono riusciti ad allargare il telaio così da fare uscire il piede. Poi hanno stretto di nuovo, in modo da far tornare la bici pienamente utilizzabile. Quando ne avrà voglia: difficile che voglia farlo subito, dopo questo spavento.

Tutto è finito bene comunque, senza ferite o traumi tali da richiedere il trasporto in ospedale, e tra mille ringraziamenti da parte della mamma. «Un sentito ringraziamento al Team Enjoy per averci dato questi peluche: si sono dimostrati utilissimi già dal giorno dopo – sottolinea Nicola Canali, presidente dell’Avap di Serra – hanno incuriosito subito il bimbo facendolo stare tranquillo durante operazioni di soccorso che, a quell’età, potevano causargli un bello spavento».

© RIPRODUZIONE RISERVATA