Zocca, la rinascita di civette e rapaci

Grazie al "Pettirosso" caprioli, ghirri, ricci sono stati involati con un rito che richiama tantissime persone

ZOCCA. Ci sono i bambini che sgranano gli occhi di fronte a un esemplare che non  hanno mai  visto e che tra pochi secondi si librerà nel cielo, ma anche mamme e papà e chi ha alle spalle qualche annetto in più.

"La grande fuga" è un appuntamento con la libertà: grazie al centro fauna selvatica il Pettirosso, dopo un anno di stacco a causa del Covid torna l'evento che fa sognare grandi e piccini. Caprioli, ghirri, ricci e tanti altri esemplari sono stati involati con un rito che richiama sulle alture di Zocca tantissimi appassionati e curiosi. Si tratta di animali che ritornano alla libertà dopo le cure amorevoli dei volontari del Pettirosso.

A San Giacomo, vicino al Museo della castagna, l'appuntamento ha radunato oggi pomeriggio, 15 agosto, persone di tutte le età che hanno accompagnato nel volo rapaci e civette.