Cavezzo,  si getta tra le rapide del torrente per salvare la figlia e resta ferito

Nel tuffarsi l’uomo ha riportato diversi traumi, in particolare al torace e alla spalla. Anche la bambina ha urtato contro i sassi, in balie delle rapide e ha riportato un trauma alla colonna e al capo.

CAVEZZO. Attimi di paura per un papà di 32 anni e la figlia di 9 anni residenti a Cavezzo (MO) in mattinata sono andati a fare una passeggiata alle cascate del Golfarone, comune di Villa Minozzo (Re)

Queste cascate si trovano in Val d’Asta lungo il torrente Secchiello. La bambina, incuriosita dalle rapide si è avvicinata alla sponda del fiume ma vi é caduta dentro. Il padre si è immediatamente gettato nel fiume per evitare che la figliola venisse portata a valle dall’acqua che in quel punto corre molto veloce.

Fortunatamente è riuscito a fermarla, ma nel tuffarsi l’uomo ha riportato diversi traumi, in particolare al torace e alla spalla. Anche la bambina ha urtato contro i sassi, in balie delle rapide e ha riportato un trauma alla colonna e al capo.

L'allarme è scattato alle 12.20 e il 118 ha inviato sul posto l’ambulanza di Villa Minozzo e la squadra del Soccorso Alpino e Speleologico stazione Monte Cusna, l’elicottero 118 di Pavullo nel Frignano dotato di verricello con a bordo un Tecnico del CNSAS e i Vigili del Fuoco.

L’equipaggio dell’elisoccorso viene sbarcato con il verricello in quanto la zona non è atterrabile. Dopo valutazione fatta dall’anestesista i due sono stati recuperasti con il verricello e portati fino al parcheggio, dove ad attendere c’era l’ambulanza che li ha trasportati all’ospedale di Castelnovo né Monti in codice di media gravità