Contenuto riservato agli abbonati

Percorsi già al top: Appennino modenese  tra i big del circuito e-bike

Montecreto scelto per una gara di campionato nazionale Partecipanti entusiasti. Il sindaco: «Vetrina straordinaria»

Mattia Cocchi

MONTECRETO. L’Appennino è sempre più lanciato sull’e-bike quale calamita di sport e turismo. I percorsi ormai sono di altissima qualità, tanto da essere scelti per l’unica tappa in regione del Campionato italiano di e-bike Enduro.


È successo a Montecreto, dove domenica è sbarcato il circuito già passato per Versilia, Spoleto, Bibbiena (Arezzo) e Piancavallo (Pordenone). Ed è arrivata una bella promozione. Il tracciato impegnativo e immerso nella natura ha raccolto ampio consenso tra gli atleti. Dietro c’era la mano (e la gamba) di Pierpaolo “Pippo” Marani, guru del downhill di cui è stato pioniere in Italia negli anni ’90. E famoso “trail builder”: così viene indicata la figura designata all’elaborazione dei percorsi da gara.

«È stata la prima volta per una gara di e-bike sull’Appennino modenese, e speriamo sia l’avvio di un lungo connubio — sottolinea il sindaco Leandro Bonucchi — la collaborazione che ha permesso di portare qui questa disciplina è nata dai motoclub e da Pippo Marani nonché dalla Pro Loco. Siamo sempre stati sede di gare di mountain bike e ora sosteniamo anche le competizioni di e-bike sia come Comune che come territorio, nella speranza di incentivare un turismo di tipo sportivo che negli ultimi anni si sta sviluppando sempre di più. Il territorio si presta a questo genere di attività: sia per esperienze sulle due ruote sia a piedi. Trekking, mountain bike ed e-bike chiamano servizi che puntiamo a garantire e migliorare per rendere sempre più attrattivo Montecreto in qualunque periodo dell’anno». Ci sono già molti punti noleggio di bici elettriche che permettono di provare questo mezzo. E si può scegliere dove andare su una guida che conduce su sentieri sicuri e panoramici, tranquillamente percorribili fino a quote importanti anche dalle persone meno allenate, grazie al sistema elettronico. «L’organizzazione di eventi di questo tipo è la migliore vetrina per la nostra realtà – chiosa Bonucchi – e per avvicinare ulteriormente a questo sport che negli ultimi anni sta spopolando».

«I partecipanti sono stati molto contenti — nota Jacopo Castelli, consigliere con delega allo Sport — gli atleti e le varie squadre ci hannodetto che quella di Montecreto è stata una delle prove più complicate e avvincenti del campionato. Sono parole che ci riempiono di soddisfazione e che ci gratificano del lavoro svolto per questo grande evento. Negli ultimi mesi abbiamo lavorato aprendo cinque percorsi sul territorio: abbiamo fatto molti investimenti per il mondo delle due ruote. La gara in particolare si è svolta sul sentiero del Pino Solitario, vera perla del nostro territorio, e sul nuovissimo “The Bomb”. Tra i cinque percorsi ci sono quelli consigliati agli esperti e quelli adatti a tutti, idealmente pensati per chi intende approcciare questa attività sportive da zero. Terminata questa prima esperienza nel mondo dell’e-bike, siamo già al lavoro il prossimo anno: vogliamo il bis e, perché no, ampliare anche il nostro bacino di eventi ospitando altri tipi di competizioni».

© RIPRODUZIONE RISERVATA