Contenuto riservato agli abbonati

Modena. Addio a Bruno Vaccari, per tanti anni alla Logos e musicista apprezzato

Grande cordoglio a Ferrara (ma anche a Modena) per l’improvvisa morte di Bruno Vaccari, 62 anni, traduttore e musicista molto conosciuto anche al di fuori della nostra regione.

Vaccari era malato da tempo, ma la morte avvenuta lunedì scorso è giunta per un improvviso malore.


Vaccari ha vissuto per molti anni a Modena. Conseguita una prima laurea in lingue (poi anche in scienze dello spettacolo), ha iniziato a collaboratore con la Logos di Modena, diventando via via l’interprete dell’azienda, specializzato soprattutto nella traduzione di manuali di istruzioni. Per ragioni di lavoro (e anche per lo stop deciso dalla sua band musicale) Vaccari si è trasferito a vivere a Modena, vicino alla Logos, dove ha abitato per diversi anni insieme all’ex compagna.

Il nome di Vaccari, come detto, è soprattutto legato alla musica e al fatto che è stato uno dei fondatori e membro fino a oggi della storica band ferrarese Go Flamingo, della quale era bassista e cantante. Un gruppo noto a livello nazionale, specie agli inizi negli anni ’80 con l’esplosione della new wave e concerti in giro per l’Italia (e non solo). La band nel corso degli anni si è fermata una prima volta per il grave incidente stradale che impedì al batterista Francesco Vannucchi (morto poi lo scorso gennaio) di continuare a suonare, ma poi i fondatori si sono rimessi insieme, tornando a esibirsi in diverse città italiane.

Vaccari lascia il fratello Luca (ex assessore al bilancio a Ferrara) con Patrizia, Anna e gli altri parenti. Oggi alle 16 l’ultimo saluto in Certosa a Ferrara.