Contenuto riservato agli abbonati

C’è già una classe in dad Terza dose, prima i fragili

Scoperto un caso alle medie Muratori di Vignola: studenti a casa dopo due giorni La Regione pronta al nuovo richiamo. Operatori sanitari in un secondo momento 

Giovanni Balugani

La terza dose si farà e sarà riservata in prima battuta alle persone immunodepresse.


Anche l’Ausl di Modena, seguendo le indicazioni regionali e a cascata quelle commissariali, provvederà ad allestire il nuovo richiamo. Come avvenuto per l’avvio della campagna vaccinale ci sarà un ordine preciso.

I primi saranno gli immunodepressi, tra cui pazienti trapiantati, oncologici e con patologie autoimmuni. Subito dopo, come indicato dal ministro della Salute Roberto Speranza, si procederà con gli altri soggetti fragili, gli ospiti delle Case residenza anziani e gli ultraottantenni. I cittadini riceveranno direttamente la chiamate dalle autorità sanitarie, come spiegato dalla Regione nei giorni scorsi.

Per quanto concerne la diffusione del virus arrivano notizie tutto sommato incoraggianti dal bollettino settimanale emanato dalle aziende sanitarie del modenese. I casi di persone attualmente positive in provincia di Modena sono 1.554: il 6% in meno rispetto alla settimana scorsa quando erano 1.648. Di questi, 1.483 sono in isolamento domiciliare o presso altre strutture.

I restanti 71 sono ricoverati in ospedale: erano 63 la settimana scorsa. Si tratta di un incremento del 13%. Sono 59 quelli ricoverati al Policlinico di Modena, 12 all’ospedale di Carpi.

Aumentano (+5%) anche le persone in isolamento o perché positive o perché contati stretti: sono 2.727 rispetto ai 2.607 di sette giorni fa

L’Ausl ha anche fornito il dato sui “non suscettibili” cioè tutte le persone che hanno già avuto l’infezione (documentata da un tampone molecolare o da un esame sierologico) e quelle che hanno ricevuto almeno una dose di vaccino. Sono di fatto i cittadini che hanno una maggiore protezione rispetto al virus: siamo al 78%.

Considerando le fasce di età si rileva una forte disomogeneità, legata alla diversa copertura vaccinale. La percentuale di suscettibili decresce infatti notevolmente all’aumentare della fascia di età.

IL BOLLETTINO

Restringendo il campo alle ultime 24 ore, per Modena si registrano 70 nuovi casi. I sintomatici sono 42, di cui tre sono stati subito ricoverati in area Covid. Per Modena nessun decesso e 49 nuovi guariti.

E si registra il primo caso di positività in una classe nel Modenese. Il caso è stato registrato alle scuole medie Muratori di Vignola. È stata disposta la didattica a distanza per gli alunni.

Tornano al bollettino, in Emilia Romagna, su un totale di 35.554 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore ci sono 314 positivi. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti è dunque dello 0,9%. L'età media dei nuovi positivi di oggi è 41,9 anni.La situazione dei contagi nelle province vede Bologna con 94 nuovi casi, seguita da Modena (70); poi Piacenza (30), Reggio (29) e Rimini (25); quindi Cesena (15), Ravenna (14), Parma (13), Ferrara e Forlì (entrambe con 11); infine il circondario imolese (due).

Si registrano due decessi: uno in provincia di Reggio (un uomo di 95 anni) e uno nel Riminese (un uomo di 92). In totale, dall'inizio dell'epidemia, i decessi in regione sono stati 13.411. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 43 (-2 rispetto a due giorni fa), 428 quelli negli altri reparti covid (+8). Per quanto riguarda infine la campagna vaccinale anti-covid, sono state somministrate 6.181.085 dosi in regione. Sul totale 2.942.686 sono le persone che hanno completato il ciclo vaccinale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA