Modena, è autunno: tornano i turisti, tanti italiani nel weekend

Boom di americani alla Vodafone per le sim italiane

MODENA. Non ci sono più dubbi: a Modena sono tornati i turisti. A confermarlo baristi, ristoratori, negozianti, guide turistiche, ma anche chi lavora nel mondo della cultura, che ha potuto constatare nelle ultime settimane un' impennata di presenze in città. sia di turisti italiani che stranieri. «Il trend è in aumento in Galleria estense, soprattutto per quanto riguarda gli stranieri- sottolinea la direttrice Martina Bagnoli- per esempio durante l'estate abbiamo visto un importante presenza di turisti provenienti dalla Francia. Ora molti sono gli italiani, soprattutto nel weekend, provenienti da varie regioni. Speriamo continui così». Intanto anche ieri mattina nel Duomo di Modena non mancavano le guide che illustrano a piccoli gruppetti di persone il capolavoro del Wiligelmo. «Siamo fiorentini ma abbiamo deciso di passare due giornate a Modena- ha raccontato Guido Guarducci- tra tante negatività il Covid, dopo averci costretti all'isolamento, ci ha fatto riaccendere la voglia di viaggiare, facendoci rivalutare l'Italia e il turismo di prossimità». Complici di questa importante ripartenza anche i tanti importanti festival che ormai da un mese a questa parte si alternano ogni fine settimana nella nostra città. «Senza dubbio sono un'ottima vetrina per Modena - ha confermato Giuseppe Giordano, titolare de "Il tramezzino" di piazza Grande- ma anche un forte motivo di attrazione sia per il turismo locale che per quello internazionale. Nel fine settimana appena passato sono stati davvero tanti gli stranieri che hanno degustato con piacere il nostro sfizioso trancio di pizza».

Della stessa opinione sono anche Nunzio Accetta del "Caffè dell'orologio" e Marco Antonelli, responsabile del "Caffè concerto" , luoghi solitamente molto gettonati, in quanto immersi nel cuore del patrimonio Unesco cittadino. «L'autunno sembra essere iniziato nel migliore dei modi ma anche l'estate non è stata affatto da meno - ha sottolineato Accetta- ora dovremo vedere cosa accade nella stagione fredda, quando il green pass sarà necessario per accedere alle sale interne di bar e ristoranti. Speriamo di poter continuare a lavorare senza che si riaccendono troppe polemiche». «È bello ritornare a vedere piazza Grande attraversata da guide turistiche con gruppetti di persone a seguito - ha poi aggiunto Antonelli - finalmente si è ripreso a lavorare proficuamente e presto renderemo il nostro locale ancora più accogliente, grazie alla ristrutturazione che si terrà quasi certamente nel mese di gennaio 2022».


Certo, non tutti i settori stanno però beneficiando allo stesso modo di questa ripartenza turistica. «Stranieri tanti, ma affari pochi - afferma Lina Ghinelli, titolare del negozio di abbigliamento “Il filo" di via Emilia Centro- non è questa la gente che acquista nelle nostre boutique purtroppo - se non altro però è due settimane che senza il corteo No Vax del sabato pomeriggio le vendite hanno subito un incremento del 15%. Questo significa che le continue manifestazioni di quel tipo purtroppo disinvogliano i modenesi a venire in centro a fare acquisti. Prima di continuare a dare il permesso - conclude - la Questura dovrebbe tenere in considerazione questo fatto. Nonostante sia dell'idea che tutti debbano sempre essere liberi di esprimere le proprie opinioni è anche vero che non possono impedire il nostro lavoro proprio nel giorno della settimana in cui si vende di più».