Contenuto riservato agli abbonati

Modena. Le sbarre si alzano ma il treno passa: tragedia sfiorata

L’episodio ieri pomeriggio a Villanova lungo via Zappellaccio Il passaggio a livello è guasto, evitato l’incidente con le auto

Modena. Sbarre alzate, via che si passa: peccato che stesse arrivando il treno. C’è mancato poco che ieri non si verificasse un rovinoso incidente in via Zappellaccio, zona Villanova, strada alle porte di Modena che attraversa l’intera frazione e lungo la qualche si incroci anche la linea ferroviaria che collega Modena a Carpi. È proprio un treno locale quello che diversi automobilisti si sono trovati... di fianco, ieri pomeriggio, mentre stavano attraversando il passaggio a livello ignari del pericolo.

La segnalazione ci è arrivata da alcuni cittadini che si trovavano a passare in zona ieri pomeriggio: «L’attesa è lunga, le sbarre rimangono abbassate per diversi minuti, il treno non passa e non ci sono allarmi di nessun tipo. Così si pensa che si possa passare tranquillamente».


Ma al momento dell’attraversamento, la brutta sorpresa: «Se non avessi guardato a destra e a sinistra, il treno mi avrebbe travolto». A sbarre alzate, infatti, e senza nessun avvisatore acustico o segnalazione luminosa, il treno è tranquillamente passato sui binari: «Tre macchine sono passate, ma il pericolo restava lì perle sbarre restano alte e i segnalatori luminosi si mettono a funzionare quando non dovrebbero, creando solamente caos».

Per fortuna, insomma, nessuno si è fatto male. Ma è stata una semplice casualità grazie all’occhio attento di un cittadino.

Resta, quindi, un problema aperto quello dei tanti passaggi a livello che attraversano la nostra città, dalle zone più centrali - come nel caso di Gigetto che è il più frequente a creare problemi - fino alla rete ferroviaria più strutturata come quella che da Modena porta a Mantova attraversando la nostra campagna e superando Carpi. Di solito, in quest’ultimo scenario, si parla di treni soppressi. Ieri, invece, per poco non ci scappava l’incidente grave.