Morti sul lavoro, per Laila si attende l'analisi del macchinario

Il medico legale deposita la perizia dopo gli accertamenti sul corpo dell'operaia morta a Camposanto, schiacciata da un macchinario. E la procura prepara, dopo due mesi, l'incarico ad un perito per analizzare la fustellatrice

CAMPOSANTO. Laila El Harim è morta sul colpo, schiacciata dalla fustellatrice su cui stava lavorando. E' la conlusione finale a cui è arrivato il medico legale, incarico dalla procura di Modena, che doveva analizzare la salma della 40enne. Il macchinario avrebbe esercitato una forte pressione cervicale che ha provocato il decesso della donna, assunta alla Bombonette da tre mesi proprio per la sua capacità di operare su macchinari simili.

L'autopsia non ha quindi fornito dettagli alternativi ad un'indagine che da alcune settimane si prepara ad una svolta: nessuno, infatti, né la procura e neppure la famiglia della mamma che viveva a Bastiglia con il compagno e la figlia, si aspettava particolari indicazioni dagli esami medico-legali. Cosa assai diversa, invece, rispetto all'indagine sul macchinario tuttora sequestrato presso l'azienda di Camposanto.

Laila è morta ad inizio agosto ma a distanza di due mesi nessun incarico peritale è stato affidato ufficialmente in attesa di completare l'audizione delle varie persone in grado di fornire indicazioni utili sul funzionamento della fustellatrice e delle misure di sicurezza adottate nell'azienda guidata dalla famiglia Setti.

Con gli esami autoptici completati e ormai definite le informazioni degli addetti ai lavori, l'inchiesta passerà alla fase più delicata: l'analisi della fustellatrice. La procura affiderà l'incarico ad uno specialista ma anche le parti civili - la famiglia e il compagno si sono affidati rispettivamente agli avvocati Dario Eugeni e Nicola Termanini - sono intenzionate a seguire la perizia con professionisti di fiducia. Solo analizzando nel dettaglio la macchina che piega i cartoni sarà possibile capire le cause della morte della donna 40enne e definire se vi siano state delle responsabilità di terzi nel suo decesso.