Contenuto riservato agli abbonati

Modena. Raid dei ladri dentro la villa liberty da anni in abbandono a Sant’Agnese

Razzia viale Moreali  a Casa Torti, costruita un secolo fa e ormai fatiscente. Il giardino è stato ripulito un anno fa

MODENA. È stata nuovamente saccheggiata Villa Torti, un tempo splendida casa liberty tra viale Moreali e via Valdrighi e da anni edificio in stato di totale abbandono.

RAZZIE E OCCUPAZIONI. I ladri hanno forzato la porta di legno e hanno razziato i pochi oggetti rimasti dentro dopo gli assalti degli anni scorsi abbandonando all’ingresso delle sedie da giardino e altro materiale gettato alla rinfusa. Da qualche giorno il raid è visibile dalla strada e attira l’attenzione dei passanti a Sant’Agnese, da sempre affezionati a questa sfortunata villa. Certo, l’entità del furto non deve essere stata significativa, dato che il saccheggio è iniziato tanti anni fa e ha toccato alcuni picchi negli ultimi dieci anni con l’occupazione abusiva di un ex custode dell’epoca e più recentemente lo sgombero di quattro abusivi, tre dei quali clandestini. Resta il fatto che l’anno scorso era stata sistemata e chiusa dopo che il portone era rimasto aperto per mesi.


MISTERI E DEGRADI. Chi sia l’attuale proprietario di Villa Torti non si sa. Intorno a questo edificio liberty, terminato esattamente un secolo fa, circolano molte leggende di quartiere, quasi tutte senza riscontri o risultate infondate. Pochi gli aspetti certi. La villa è stata di proprietà di un’avvocata modenese che una ventina di anni fa si è trasferita in un’altra città. Una ventina di anni fa è nato un contenzioso e la villa è passata di mano. A chi non è noto. La posta è gettata in terra o giace abbandonata nella cassetta attaccata la cancello d’angolo, dal quale si può osservare il giardino ridotto a un groviglio di vegetazione spontanea. Il Comune ha sollecitato la proprietà facendo ripulire e falciare via alberi, arbusti e sterpi. Il repulisti è avvenuto l’anno scorso ed è stato talmente radicale da svuotare completamente l’area verde antistante. A quel punto, per la prima volta dopo tanti anni, la villa è apparsa nuda nel suo stato di totale fatiscenza.

INCURIA DI ANNI. La presenza della fitta vegetazione aveva finora coperto lo stato reale di quel palazzo liberty un tempo splendido. La scalinata, il balcone e alcune parti esterne mostrano gravi segni d’incuria da molti anni. Le sue condizioni sono di profondo degrado. L’aspetto è spettrale: sarebbe un’ambientazione ideale per una storia del terrore. A peggiorare il quadro, sul lato di via Valdrighi la rete è stata così piegata da essere facilmente scavalcabile.

Proprio questa situazione deve avere indotto qualcuno a compiere il raid all’interno in questi ultimi giorni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA