Contenuto riservato agli abbonati

Pavullo, Sestola, Montefiorino, Palagano e Zocca: il giorno dei sindaci. Ma la sfida parte con un’affluenza in calo 

Pavullo, Sestola, Montefiorino, Palagano e Zocca: la montagna vota meno rispetto al 2016. Ma c’è tempo fino alle 15

Daniele Montanari

E così è iniziata la tornata elettorale che deciderà le sorti amministrative di una parte decisiva della montagna per il prossimo lustro. Intanto perché si vota in 5 dei 17 Comuni, quasi un terzo del territorio tra tutte le vallate. Ma soprattutto perché in ballo c’è Pavullo, che con i suoi 18mila abitanti vale da solo metà della popolazione del Frignano.


Il valore della posta in gioco in realtà non ha trovato un immediato riscontro partecipativo: la mattinata ha fotografato subito un’affluenza decisamente in calo rispetto alle comunali del 5 giugno 2016: a Pavullo a mezzogiorno eravamo a un 14,48% a fronte del 23,01 dell’altra volta, ben 8,5 punti in meno. Ma la tendenza è stata in calo ovunque. Vedi la mattinata emblematica di Zocca, con un’affluenza al 16,30% a mezzogiorno: quasi un -10 rispetto al 25,78% della precedente tornata. Nel 2016 però tutto era concentrato in un giorno, quindi bisognerà aspettare oggi alle 15 per trarre conclusioni.

A Pavullo tutti i candidati hanno votato alla mattina: Stefano Scaruffi alle 10.30 nella scuola primaria De Amicis del capoluogo, il sindaco uscente Luciano Biolchini alle 11 nella primaria di Sant’Antonio, Davide Venturelli alle 11.30 a Pavullo all’istituto Marconi (con moglie e genitori, anche loro votanti), dove a mezzogiorno è stato il turno di Graziano Pattuzzi. Tutto in un clima di apparente distensione: le fibrillazioni che inevitabilmente attraversavano tutti sono state ben celate.

Nel resto dell’Appennino il più mattiniero è stato Fabio Braglia: il sindaco uscente di Palagano poco dopo le 9 aveva già votato nel seggio di Savoniero. Niente appuntamento con l’urna invece per Giuseppe Fontana, che abitando a Modena non vota qui. A Montefiorino scelte diverse tra i tre contendenti: Chiara Asti ha votato verso le 10.30 a Casola, mentre il sindaco uscente Maurizio Paladini e Riccardo Coriani si sono recati entrambi nel capoluogo a metà pomeriggio.

Tornando dalla Val Dragone al Frignano, anche a Sestola i candidati hanno vissuto il voto in momenti diversi della giornata: Gionata Magnani ha adempiuto in tarda mattinata nel seggio 2 di Sestola, Fabio Magnani (vicesindaco uscente) invece a metà pomeriggio a Castellaro. Ubaldo Fraulini non ha votato, risiedendo fuori dal territorio comunale.

Di là dal Panaro, il duello di Zocca tra i due Federico, che risiedono entrambi nelle frazioni, ha visto Ropa (vicesindaco uscente) mettere la sua scheda nell’urna poco dopo le 10 a Missano. Covili invece ha provveduto intorno alle 15 a Montombraro.

Nel pomeriggio l’affluenza ha continuato ad essere abbastanza diluita, così da fare registrare alle 19 un dato del 37,30% a Pavullo rispetto al 53,17% del 2016: un calo di quasi il 16% (nello stesso ordine di grandezza comunque anche Finale). La tendenza in diminuzione si è mantenuta dappertutto a parte Montefiorino, unico Comune dove alle 19 si cristallizzava un afflusso leggermente superiore rispetto a quello dell’altra volta: 45,63% oggi di fronte al netto 45,00% di allora.

E’ possibile che il dato sia stato influenzato dalla splendida giornata di sole, che avrà spinto tanti a un’uscita fuori porta nella montagna vestita dei primi colori d’autunno. C’è comunque un bello spazio di tempo anche oggi per provvedere al recupero: i seggi aprono alle 7 e resteranno operativi fino alle 15. Poi inizieranno subito le operazioni di spoglio. A meno di imprevisti, già a metà pomeriggio si conosceranno i nomi dei primi cittadini di Montefiorino, Palagano, Sestola e Zocca. Per Pavullo è possibile che lo spoglio non si concluda prima delle 18.30-19, e non è detto che qui porti alla consacrazione di un vincitore: se nessuno dei quattro contendenti raggiungerà il 50% più uno dei voti, si andrà a ballottaggio il 17 e 18 ottobre. In questo caso, ci sarà comunque tutta la suspence per conoscere i due nomi in gioco.

© RIPRODUZIONE RISERVATA